laRegione
tisin-la-lega-e-l-arte-della-fuga
Ti-Press
laR
 
18.05.22 - 05:15
Aggiornamento: 09:56

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano

"Facciamo gli indifferenti e proviamo a uscire dalla porta sul retro". Sabrina Aldi e Boris Bignasca devono essersi detti una cosa del genere – come i protagonisti pasticcioni d’una commedia noir – al momento di sfilarsi dal sindacato giallo TiSin, brillante trovata leghista per aggirare la nuova legge sul salario minimo. Una noterella in corpo 8 nascosta nel bel mezzo del Foglio ufficiale, di quelle che per leggerle ci vuole la lente d’ingrandimento, li segnala quali "persone dimissionarie e firme cancellate" da "TiSin, in Lugano, CHE-225.338.410, associazione" (ci piace immaginare il capogruppo in Gran Consiglio e la sua vice che smontano nottetempo la targhetta col loro nome dal citofono della sede, casualmente la stessa della Lega, anche se per ora si son dimenticati di togliere la faccia dal sito web).

"Scurdammoce ’o passato", insomma, sperando che non se ne accorga nessuno, anche perché le elezioni cantonali si avvicinano e tira aria di figuracce: l’Ispettorato del lavoro potrebbe concludere a breve che TiSin non è un vero sindacato e che il suo contratto con Ticino Manufacturing è da cestinare. Meglio dunque liquidare certe pendenze imbarazzanti nell’attesa che la consueta, deliberata lotofagia mediatica acceleri un caritatevole oblio collettivo.

Solo che la medesima saggezza napoletana mette in guardia: "Nisciun è fess". Non è che puoi squagliartela così, col bavero dell’impermeabile alzato, gli occhiali da sole e il Borsalino, fischiettando con nonchalance. Com’era prevedibile per tutti tranne che per i protagonisti dell’incresciosa vicenda, le redazioni ci hanno messo un paio d’ore a scoprire la diserzione, per poi sentirsi balbettare al telefono i soliti non so, non posso dire niente, vi faremo sapere, il cane ci ha mangiato i compiti. Dopo ore di imbarazzato silenzio è toccato all’ex sindacalista Nando Ceruso, rimasto solo come il palo nella banda dell’Ortica, rabberciare un comunicato per salvare il salvabile. Cioè, poco o nulla: tutto quel che vi si legge è che Aldi e Bignasca se ne vanno "a seguito dei molteplici impegni chiamati ad assolvere in ambito professionale e politico", e grazie assai.

Dopo questo magistrale esempio di arte della fuga – in senso più podistico che musicale – viene da chiedersi cosa s’inventeranno la Lega e i molti mantici che ne hanno sospinto il fumo ben oltre il perimetro di via Monte Boglia. Sentiremo probabilmente ripetere che tanto non cambiava niente, perché di mezzo ci vanno solo i frontalieri; che il salario minimo soffoca le imprese; che comunque anche i sindacati veri fanno solo business. Come se un sindacato-fantoccio che firma contratti posticci non fosse un pericolo per tutti i lavoratori e le imprese serie. Così, accanto ai paladini del sovranismo – con la loro maschera sociale indossata a ogni costinata – continueremo paradossalmente a trovare i fanatici d’un liberismo studiato male e applicato peggio, oltre a certi padroni del vapore che fanno più prosaicamente i propri comodi. E prima o poi, chissà, ci scorderemo davvero di tutta questa pantomima. Intanto, si salvi chi può.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lega salario minimo tisin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Conferenza di Lugano: ‘principi’ del domani e guerra di oggi
La Urc2022 si chiude con una ‘Dichiarazione’ che getta le basi del processo di ricostruzione dell’Ucraina. Il risultato non è da disprezzare
Commento
1 gior
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
2 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
2 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
4 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
5 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
5 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
6 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
© Regiopress, All rights reserved