laRegione
11.02.22 - 19:23

Gite studentesche, una petizione chiede di ripristinarle

In 650 hanno aderito all’appello del Sisa all’indirizzo del Collegio dei direttori delle scuole medio-superiori che aveva ridotto la durata delle gite

gite-studentesche-una-petizione-chiede-di-ripristinarle

Il Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (Sisa) ha consegnato oggi alle diverse direzioni degli istituti medio-superiori la petizione, corroborata da circa 650 firme di studenti al 4° anno, contraria alla decisione del Collegio dei direttori delle scuole medio-superiori di ridurre la durata delle gite di maturità. A suscitare il malcontento è stata la scelta in contraddizione all’attuale evoluzione sanitaria e alle necessità del corpo studentesco. “A ciò bisogna aggiungere la poca trasparenza del Collegio nella comunicazione di questa decisione, nonché l’indisponibilità ad aprire un dialogo con il corpo studentesco e il sindacato studentesco per discutere della questione”, si legge in una nota del Sisa.

Per il Sisa e gli studenti firmatari, “la gita di maturità rappresenta un importante momento aggregativo e di crescita personale. Questo si rende particolarmente rilevante dopo un periodo di pandemia contraddistinto da un crescente malessere psico-sociale tra i giovani, in cui l’impossibilità di poter svolgere alcune attività extrascolastiche ha sicuramente compromesso la propria partecipazione attiva alla vita sociale. Non è assolutamente in questo modo, riducendo le gite e penalizzando gli studenti, che si lancia un messaggio incoraggiante per riprendere finalmente a interagire, aggregarsi e ricostituire quell’importante senso di comunità, compromesso dalla pandemia”. Tuttavia, la gita non solo permette di fare esperienze relazionali importanti per lo sviluppo dello studente, “ma per alcuni questa è tra le prime occasioni per potersi confrontare con realtà distanti da quella ticinese. Non si tratta dunque unicamente di un bisogno aggregativo, ma anche di democratizzare la possibilità di fare scoperte ed esperienze culturali fuori dai confini ticinesi ed elvetici”, si spiega.

A proposito dell’evoluzione pandemica, i giovani nella loro petizione sottolineano che sia le autorità federali, sia quelle cantonali stiano andando verso l’abbandono delle prescrizioni sanitarie restrittive in vigore. “La decisione del Collegio è dunque in controtendenza all’evolversi dell’attuale situazione pandemica. In questi termini, affinché i rischi legati alla pandemia si arginino, gli allievi prossimi all’ottenimento della maturità si sono già detti disponibili ad accettare compromessi riguardo alle disposizioni di carattere sanitario da rispettare durante la gita”.

Per questa ragione il sindacato studentesco e i firmatari della petizione rivendicano “un dietrofront da parte del Collegio dei direttori, attraverso il ripristino delle canoniche cinque giornate della gita di maturità e la costituzione di un tavolo negoziale con una delegazione del Sisa per poter trattare le condizioni di svolgimento di queste giornate”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
4 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
7 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
7 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
7 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
13 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
15 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
17 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
18 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
18 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved