laRegione
15.06.21 - 19:11
Aggiornamento: 19:29

De Rosa sul voto degli Stati: 'Grande delusione'

Casse malati, la bocciatura dell'iniziativa cantonale sull'obbligo di ridurre le riserve. Il direttore del Dss: forse a Berna il tema non è ben conosciuto...

de-rosa-sul-voto-degli-stati-grande-delusione

Gli Stati hanno dunque bocciato oggi anche la proposta ‘Per riserve eque e adeguate’, una delle tre iniziative cantonali confezionate dal governo ticinese e avallate dal Gran Consiglio per contenere, previa modifica della Legge federale sulla vigilanza sull’assicurazione malattie, l’aumento dei premi di cassa malati. Esprime pertanto «grande delusione» il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa interpellato dalla ‘Regione’ dopo il voto della Camera dei Cantoni. Grande delusione «considerata anche la risicata maggioranza con cui l’iniziativa è stata respinta», aggiunge De Rosa. «Nel dibattito, oltretutto, era stata riconosciuta la necessità di intervenire, tuttavia la maggioranza del Consiglio degli Stati ha ritenuto preferibile la soluzione del Consiglio federale prospettata nella nuova ordinanza, la OVAmal. Soluzione che però si basa sulla riduzione volontaria delle riserve. A dimostrazione - osserva il titolare del Dss - che forse il tema non è ben conosciuto, dato che già oggi esiste questa facoltà, ma viene usata in maniera assai limitata dagli assicuratori».

Afferma ancora De Rosa: «Per noi l’importante era un’adesione di principio, da parte della Camera dei Cantoni, all’iniziativa. Abbiamo un sistema che negli ultimi anni ha fatto esplodere le riserve, che ora superano gli 11 miliardi di franchi». Riserve, evidenzia De Rosa, «che andrebbero ridotte visto che a causa della pandemia siamo in una situazione straordinaria, che avrà conseguenze economiche e sociali». Secondo l’iniziativa ticinese, le riserve di un assicuratore sono da considerarsi eccessive "se risultano superiori al 150% del limite normativo": in tal caso l’assicuratore “è tenuto” a ridurle “sino al raggiungimento” della soglia indicata. «Addirittura - osserva De Rosa - noi suggeriamo una soglia più alta di quella proposta - il 100 % - dal Consiglio federale con la nuova ordinanza. Gli Stati hanno però optato per la proposta governativa».  

Ora la parola passa al Consiglio nazionale. «Dove la strada sarà più difficile - riprende il direttore del Dss -. Vedremo di impegnarci ancora di più per far passare la nostra iniziativa. Da un nostro calcolo, introducendo l’obbligo di riduzione delle riserve si riuscirebbe a bloccare l'aumento dei premi per due, tre anni. Poi, sia chiaro, se un assicuratore ha avuto delle perdite comprovate si può discutere ed eventualmente non obbligarlo a ridurre le riserve. Come cantone, quel che per noi conta è ottenere l’adesione del Nazionale. Ripeto, non sarà facile. Ma ci batteremo affinché gli interessi dei cittadini non siano subordinati a quelli di alcune lobbies».   

Leggi anche:

Casse malattia, 'riduzione riserve resti volontaria'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
9 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
9 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
10 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
10 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved