laRegione
negli-ultimi-cinque-mesi-accolte-8-000-richieste-di-ipg
Ti-Press
laR
 
17.03.21 - 17:35
Aggiornamento: 21:28

Negli ultimi cinque mesi accolte 8'000 richieste di Ipg

Il governo risponde all'interpellanza di Durisch (Ps), ma mancano i dati sul settore culturale. Il capogruppo socialista: 'Speriamo di averli presto'

Oltre 16mila richieste. Circa 16’250. Tante sono le domande di Indennità perdita di guadagno Corona (Ipg) inoltrate in Ticino dal 17 settembre 2020 al 28 febbraio 2021. Una media di 3’250 al mese. Di queste richieste circa 8’000 sono state accolte, mentre circa 1’400 sono state respinte. È un chiaro indicatore di quanto la pandemia abbia continuato a incidere anche dal punto di vista economico sulla vita quotidiana delle persone, quello che il Consiglio di Stato ha messo nero su bianco rispondendo a un’interpellanza del capogruppo del Partito socialista Ivo Durisch.

9’400 richieste evase, quindi. E, in merito ai tempi, si legge nel testo che “dipendono da caso a caso, in quanto ogni pratica necessita di diverse valutazioni in funzione delle informazioni fornite e/o dei documenti che vengono allegati alla richiesta di indennità”. Ad ogni modo, “quando le richieste sono presentate correttamente i tempi medi di evasione sono di circa quattro settimane. Purtroppo i ritardi accumulati nel 2020 influiscono negativamente sulla tempistica, ma i collaboratori del servizio stanno facendo degli straordinari nel fine settimana per recuperare gli arretrati”. Per quanto concerne l’indennità media riconosciuta, giornaliera complessiva il Consiglio di Stato ricorda che “ammonta all’80 per cento del reddito soggetto all’Avs conseguito prima dell’inizio del diritto, ma al massimo a 196 franchi al giorno.

Ciò detto sono rimaste senza risposta due domande che Durisch ha fatto pensando al settore culturale, particolarmente colpito e con al proprio interno situazioni molto diverse tra loro. La prima è stata formulata per capire “se corrisponde al vero che agli organizzatori di manifestazioni nel corso dei prossimi mesi le indennità di lavoro ridotto vengono negate con la motivazione che non essendoci al momento esplicito divieto per il periodo della manifestazione non vi è ragione di mettere i dipendenti in lavoro ridotto”. La seconda è se si tengono in considerazione “la realtà professionale del settore e la peculiare situazione di questo momento in cui l’incertezza di fattibilità e condizioni, oltre che la paralisi del settore su scala nazionale e internazionale, rende impossibile qualsiasi lavoro di pianificazione e influisce inevitabilmente sulle possibilità di lavoro dei dipendenti delle imprese culturali”.

‘Aspettiamo i dati sul settore culturale per vedere se ci sono buchi da colmare’

Domande senza risposta perché «al momento il Cantone non ha i dati settore per settore, poiché sono in fase di elaborazione a livello federale», afferma Durisch interpellato dalla ‘Regione’. «Siamo rimasti d’accordo con il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa che sarebbe molto interessante avere anche altre informazioni: la tipologia di aiuto, i settori, numero di giorni ed entità di aiuto. Questo permetterebbe di capire a chi sono andati gli indennizzi e se ci sono stati dei buchi, vedere se si possono colmare». Una strada Durisch l’ha trovata: «Trasformerò questa interpellanza in un’interrogazione al governo, così quando ci saranno i dati spero di ottenere una risposta. Se Berna non lo farà, andrà fatto a livello cantonale». 

‘Gli indipendenti sono precari non protetti’

Ma di cultura si parlava. Perché la situazione per i lavoratori del settore, indipendenti e non, si fa di mese in mese più grama a causa delle chiusure. «Prima di tutto va capito a chi e come nel settore culturale sono arrivati questi aiuti - annota Durisch -. Oggi non ne abbiamo idea. Ma si tratta di lavoratori che soffrono. Spesso, aggiungo, sono lavoratori precari che sfuggono alle reti di protezione sia in ambito di disoccupazione, sia di lavoro ridotto. Per non parlare degli indipendenti, che non essendo inseriti in un organico ufficiale, sono precari che non sono protetti. L’unica rete è l'Ipg cultura, ed è per questo che vogliamo capire cosa ha funzionato e cosa no».

A Zurigo, Basilea e Ginevra c'è il sostegno forfettario

In merito agli aiuti per il settore culturale, ricordiamo che da qualche settimana in Svizzera sta prendendo corpo un'idea alternativa a quella delle attuali indennità o aiuti: un sostegno forfettario agli operatori culturali. Un'idea, questa, che per ora ha messo d'accordo i Cantoni di Zurigo, Basilea e Ginevra. I vantaggi sono meno burocrazia e il fatto che si tratti di una forma di aiuto che va a sostenere maggiormente alcuni operatori culturali con una condizione lavorativa atipica e non riconosciuta dalle attuali regole. Un aiuto di base che viene ricevuto senza dover necessariamente dimostrare un mancato guadagno. E il Ticino? Il Ticino non è convinto. «Noi questo ragionamento non lo possiamo fare perché non vogliamo penalizzare l'ordinario», ci ha risposto il 5 marzo la direttrice della Divisione della cultura e degli studi universitari in seno al Decs Raffaella Castagnola.

Leggi anche:

Covid, un aiuto a forfait per gli artisti. Ma non in Ticino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus cultura ipg ivo durisch partito socialista settore culturale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
44 min
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
2 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
3 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
4 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
4 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
6 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
9 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
11 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
12 ore
Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova
Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
© Regiopress, All rights reserved