laRegione
30.11.20 - 17:46

Espulsione per due marocchini spacciatori di moneta falsa

La sentenza è stata pronunciata dalla Corte penale del Tpf di Bellinzona presieduta dal giudice unico Fiorenza Bergomi

espulsione-per-due-marocchini-spacciatori-di-moneta-falsa
La giudice penale federale Fiorenza Bergomi (foto Ti-Press)

Espulsione dalla Svizzera per almeno cinque anni e pene detentive dai 12 ai 18 mesi per due cittadini marocchini, uno uomo e una donna, residenti in Italia. È questa la sentenza pronunciata questa mattina, 30 novembre, dal giudice unico Fiorenza Bergomi della Corte penale del Tribunale penale federale. I due erano accusati di avere, il 28 marzo 2019, importato dall’Italia in Svizzera 90 banconote contraffatte da 50 euro e 9 banconote contraffatte da 100 euro per un importo totale di 5’400 euro, nonché di avere, tra il 28 e 29 marzo dello scorso anno, messo in circolazione come autentiche 34 banconote contraffatte da 50 euro e altre 4 da 100 euro, per l’acquisto di diversi beni, per complessivi 2’100 euro. Ai due era inoltre imputato il reato di truffa legato alla messa in circolazione di monete false. Reati accertati dalla corte. 

Sono almeno sette le società commerciali truffate dalla coppia che si sono presentate quali accusatori privati. L’uomo, oltre alla pena detentiva di 12 mesi, sospesa per un periodo di prova di due anni, è stato condannato al rimborso alla Confederazione di 9mila franchi non appena le sue condizioni economiche glielo permetteranno. Le spese per la difesa d’ufficio ammontano invece a 13'640 franchi, importo assunto dalla Confederazione. Alla donna, invece, la pena detentiva ammonta a 18 mesi, non sospesa, dedotto il carcere preventivo sofferto. Anche in questo caso è stato disposto il rimborso alla Confederazione di 14’930 franchi non appena le sue condizioni economiche glielo permetteranno. Le spese di difesa - a carico della Confederazione - ammontano invece a 22’395 franchi. Anche le spese procedurali, per un massimo di 7’800, sono state poste a carico dei due imputati in ragione di metà ciascuno.

Sequestrati, infine, valori patrimoniali di pertinenza dei due per un importo pari a 1’232,54 euro, in vista del pagamento delle spese procedurali. La sentenza è appellabile, entro 10 giorni, alla Corte d’appello della Tribunale penale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
16 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
16 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
18 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
19 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
19 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
20 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved