laRegione
02.11.20 - 17:50
Aggiornamento: 18:40

Carcere ed espulsione dalla Svizzera per il 39enne spacciatore

3 anni e mezzo di prigione per il dominicano colpevole di avere avviato un traffico di cocaina. Sarà espulso dal territorio nazionale per sette anni.

carcere-ed-espulsione-dalla-svizzera-per-il-39enne-spacciatore

La Corte delle Assise criminali di Bellinzona presieduta dal giudice Amos Pagnamenta non ha fatto sconti al 39enne dominicano colpevole di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. L'uomo dovrà scontare 3 anni e 6 mesi di prigione (da dedursi il carcere preventivo già scontato) e sarà espulso dalla Svizzera per sette anni. La Corte rinuncerà tuttavia a notificare la sentenza, rendendo così possibile - una volta scontata la pena - il soggiorno dell'imputato nello spazio Schengen. 

Oltre ad una cospicua riduzione della pena, la difesa rappresentata dall'avvocato Yasar Ravi si è dunque vista negare anche la richiesta di non decretare l'espulsione del suo assistito. In mattinata il legale ha invocato il caso di rigore, che secondo l'avvocato è costituito dalla situazione personale dell'imputato. «L'espulsione comporterebbe la separazione dalla moglie e dai figli. Sarebbe una drastica conseguenza e una pesante ingerenza personale», aveva affermato Ravi durante la sua arringa, dopo che l'imputato aveva dichiarato in aula che l'allontanamento dalla Svizzera «significherebbe dividere una famiglia. Qui in Ticino ci sono mia moglie, che ha problemi di salute, e i miei figli, che rimarrebbero orfani». 

La Corte non ha tuttavia ravvisato gli estremi per il caso di rigore, sostenendo che anche in questo caso l'espulsione è obbligatoria. «Ha delitto nonostante avesse gli strumenti per condurre una vita onesta in Svizzera - ha affermato Pagnamenta -. Ha spacciato cocaina per vivere al di sopra delle proprie possibilità. Era l'imprenditore di se stesso: comprava, preparava e vendeva». Quanto al futuro dell'uomo, il giudice ha sottolineato che il 39enne ha comunque famiglia in patria (Repubblica Dominicana) e dispone di una formazione specifica che potrà permettergli di lavorare. 

Atto d'accusa confermato interamente

In merito ai fatti, la Corte ha confermato interamente l'atto d'accusa stilato dal procuratore pubblico Nicola Respini (che aveva chiesto 3 anni e nove mesi di carcere). L'uomo è colpevole di avere venduto circa 100 grammi di cocaina. Altri 1'000 erano in procinto di essere allineati. L'unico aspetto che ha permesso di mitigare la pena, ha spiegato Pagnamenta, è il fatto che il chilo di cocaina trovato nella macchina dell'uomo non fosse ancora stato venduto. 

Sempre in merito al grande quantitativo di droga rinvenuto nella vettura del 39enne (arrestato per caso lo scorso 4 giugno), la Corte non ha considerato credibile quanto affermato dall'imputato, ovvero che egli pensasse di trasportare una dose ben minore rispetto a quanto trovato dagli agenti della Polizia cantonale. Quantitativo che, sempre stando all'imputato, doveva essere recapitato ad una persona su richiesta del fornitore. «Era perfettamente a conoscenza che non si trattavano di 80 grammi. Sapeva che nel sacchetto c'era un chilo. E gli indumenti del figlio nei quali era avvolta la sostanza confermano il suo diretto coinvolgimento». 

Il giudice ha poi parlato delle bugie e delle contraddizioni in sede d'inchiesta, che «ne hanno minato la credibilità». La Corte non ha inoltre ravvisato alcuna scemata imputabilità «che si attribuisce a chi agisce per soddisfare un bisogno di consumo personale». Insieme al suo assistito, l'avvocato Ravi valuterà ora se impugnare la sentenza e ricorrere al Tribunale di appello e di revisione penale. 

Leggi anche:

'Sono colpevole, ma non mandatemi via dalla Svizzera'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
5 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
7 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
7 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
10 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
10 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
17 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
19 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
20 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
20 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
© Regiopress, All rights reserved