laRegione
06.11.20 - 20:50

Robot, Quadranti: ‘Il governo segue la regolamentazione?’

Il deputato liberale radicale chiede al Consiglio di Stato a che punto siano i lavori a livello nazionale in merito a responsabilità, fiscalità ed etica

robot-quadranti-il-governo-segue-la-regolamentazione
Keystone

“In Svizzera si contano 146 robot industriali su 10 mila dipendenti. Ne sono stati installati finora 422 mila, e sono sempre più diffusi nell’economia a livello mondiale: lo scorso anno le loro vendite sono salite del 6 per cento rispetto all’anno precedente”. Sono queste le premesse sia di quella che è una rivoluzione robotica nell’industria e nell’economia - in atto già da tempo, ma che sta accelerando - sia di un’interrogazione che il deputato liberale radicale Matteo Quadranti, assieme ad Alessandro Speziali e Diana Tenconi, inoltra al Consiglio di Stato per fare un po’ di chiarezza.

Già, chiarezza. Perché non c’è dubbio che “l’apprendimento automatico offre enormi vantaggi economici e innovativi per la società migliorando notevolmente la capacità di analisi dei dati, sebbene ponga nel contempo alcune sfide legate alla necessità di garantire la non discriminazione, il giusto processo, la trasparenza e la comprensibilità dei processi decisionali”. E mica ci si ferma qui. Per Quadranti “i cambiamenti economici e le potenziali conseguenze per l’occupazione (in particolare per le mansioni meno qualificate) derivanti dalla robotica e dall’apprendimento automatico devono essere parimenti valutati; nonostante i vantaggi innegabili apportati dalla robotica, essa può comportare una trasformazione che rende necessaria una riflessione sul futuro dell’istruzione, dell’occupazione e delle politiche sociali”.

Ci vuole chiarezza

Insomma, come sempre quando ci si trova davanti a cambiamenti radicali occorre tenere sotto controllo molti fattori senza lasciarsi prendere da facili entusiasmi, poiché, riprende Quadranti, “la responsabilità giuridica per quanto concerne sia il modello d’impresa sia le caratteristiche dei lavoratori va chiarita in caso di emergenza o qualora sorgessero problemi”. Perché va da sé che “la tendenza all’automazione esige che i soggetti coinvolti nello sviluppo e nella commercializzazione di applicazioni dell’intelligenza artificiale integrino gli aspetti relativi alla sicurezza e all’etica fin dal principio, e siano preparati a essere legalmente responsabili della tecnologia prodotta”. Ma è chiaro che servono controlli, e che la materia debba essere regolata. Con le giuste premesse date Quadranti, Speziali e Tenconi sostengono che “la nostra industria, con quella europea, potrebbe trarre beneficio da un approccio dello Stato efficiente, coerente e trasparente nella regolamentazione a livello continentale, che fornisca condizioni prevedibili e sufficientemente chiare in base alle quali le imprese possano sviluppare applicazioni e pianificare i propri modelli commerciali su scala internazionale e meglio globale, garantendo un’eccellenza nelle norme regolamentari da impostare e non siano costretti ad adottare e subire norme stabilite da altri”. 

Le richieste

Al momento, perlomeno a livello europeo, si sta cercando di stabilire una definizione giuridica comune di robot autonomo e intelligente, che tenga conto di “capacità di acquisire autonomia e interconnettività con il proprio ambiente e analisi di dati, capacità di apprendimento attraverso l’esperienza e l’interazione, forma del supporto fisico del robot, capacità di adeguare comportamento e azioni all’ambiente”. È necessario, sostiene il Plr, che tale definizione giuridica “sia flessibile e non ostacoli l’innovazione”. Ma per arrivare a questo, anche in Ticino, servono dei primi passi. Un primo, è la richiesta al Consiglio di Stato “se è al corrente, o partecipa, se del caso come (attivamente?), a eventuali lavori a livello nazionale in merito a definizioni, responsabilità, etica, fiscalità dei robot e se può riferire dello stadio di avanzamento dei lavori a livello svizzero”. Un secondo, ed è l’altra domanda posta al governo nell’interrogazione, è verificare “se dispone, o non ritiene di dover disporre, di una banca dati e una statistica dei robot presenti sul territorio cantonale”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
4 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
8 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
8 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
8 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
16 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
16 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
17 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
17 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
18 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
19 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved