laRegione
17.08.22 - 19:10
Aggiornamento: 19:43

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale

cloro-in-falda-a-vacallo-riaffiora-il-problema
Ti-Press
Ci sarebbero altre perdite di cloro

Chiudere la vasca quadrata della piscina comunale di Chiasso non è bastato. Non almeno ad allontanare il rischio delle ‘fughe’ di cloro verso la falda di Vacallo. Sin qui i limiti di legge non sono mai stati superati e la potabilità dell’acqua pompata dal nuovo pozzo del Comune – quello vecchio è stato chiuso, a mo’ di scudo – non è mai stata messa in discussione; il problema però rimane e si è riproposto. Così martedì sera il Municipio vacallese ha preso una decisione e l’ha messa nero su bianco in una richiesta formale indirizzata ai colleghi chiassesi. Cosa si chiede? Di chiudere anzitempo l’impianto balneare e la stagione – che da programma termina il 18 settembre –, così da andare al fondo della questione.

Altra perdita di cloro?

I contatti fra i due esecutivi in queste settimane sono stati costanti. Entrambi intendono trovare una soluzione e soprattutto capire da dove provengono le perdite di cloro. In questo modo sarà possibile individuare e attuare il rimedio migliore. In effetti, dopo aver prosciugato la ‘quadrata’ – a titolo precauzionale su indicazione dell’autorità cittadina e dell’Azienda Age –, i valori sembravano essere migliorati, tanto da far sospettare che la fonte principale della contaminazione fosse proprio quella struttura, una delle quattro presenti alla piscina comunale.

Dopo la metà di settembre, in effetti, era già stata pianificata un’indagine approfondita dell’area con l’obiettivo di capire se all’origine vi sia la rottura di una condotta oppure gli anni di servizio dell’impianto; e di conseguenza prendere le contromisure del caso. A quanto pare però il problema si è ripresentato prima del previsto e i parametri di riferimento sono risaliti, tanto che la vigilanza costante sulla situazione idrica locale ha convinto il Municipio di Vacallo a compiere un passo ulteriore.

Attesa la decisione di Chiasso

Domani, giovedì, dati alla mano sono quindi attese nuove decisioni anche da parte dell’esecutivo di Chiasso. Si darà seguito alla domanda dei vicini di chiudere i cancelli della piscina? Non resta che aspettare gli sviluppi. Del resto, il tema di una manutenzione straordinaria dell’impianto – come nel caso del Palapenz e della pista di ghiaccio – è sul tavolo al pari di un ampliamento, come ha confermato a ‘laRegione’ lo stesso sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni. Ma qui il discorso si fa forzatamente distrettuale, a maggior ragione dopo la nascita dell’Ente regionale per lo sport.

Leggi anche:

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
24 sec
Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
1 ora
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
1 ora
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
2 ore
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
3 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
4 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
4 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
4 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
8 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
10 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
© Regiopress, All rights reserved