laRegione
09.08.22 - 18:10
Aggiornamento: 21:48

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente

rovio-il-movente-sarebbe-il-furto-del-figlio-alla-nonna-paterna
Ti-Press/Archivio
Domenica pomeriggio la polizia ha posato anche la striscia chiodata in Val Mara

Sarebbe legato al furto di 80’000 franchi, denaro sparito dalla casa di Gravesano della nonna paterna, uno dei motivi, forse quello principale, del fatto di sangue avvenuto domenica in via Aeroporto ad Agno. Un furto che avrebbe scatenato la reazione violenta e incontrollata del genitore. Tanto da spingere l’uomo, 49enne, a sparare dal suo Flobert calibro 22, a canna mozza, arma rinvenuta ieri dagli agenti della Polizia cantonale, due colpi, uno dei quali ha raggiunto il discendente diretto alla schiena, sotto la scapola. Secondo nostre informazioni, questo il retroscena dell’increscioso episodio successo ad Agno due giorni fa.

La versione del 49enne (tutta da verificare)

I soldi – i risparmi di una vita – sono effettivamente spariti dalla casa della nonna paterna. La donna ha sporto denuncia in polizia giovedì scorso. Sono così scattati da parte delle forze dell’ordine i primi accertamenti, che avrebbero portato a sospettare del 22enne. Suo padre, sentito dagli investigatori in seguito al fermo per il sanguinoso episodio, avrebbe affermato di ritenere che quella somma di denaro, della quale hanno parlato la Rsi e il CdT, potesse essere nelle mani degli amici del figlio. Domenica scorsa sarebbe quindi andato a cercare questi giovani, portando con sé l’arma, per eventualmente, a suo dire, difendersi. Così, almeno, avrebbe riferito nel corso delle sue prime dichiarazioni agli inquirenti. Avrebbe cercato queste persone, prima in un’abitazione di Capolago, dove ogni tanto trascorreva la notte il 22enne, poi ad Agno, dove lo ha rintracciato. Nella discussione intercorsa tra padre e figlio, i due colpi sarebbero partiti accidentalmente, stando sempre alla versione del genitore, uno dei quali ha raggiunto il figlio mentre era girato e se ne stava andando. Un colpo alla schiena, sotto la scapola, che ha ferito gravemente il giovane. Una versione dei fatti, quella del 49enne, tutta da verificare da parte degli investigatori coordinati dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, titolare dell’inchiesta. Il 22enne, le cui condizioni di salute stanno lentamente migliorando, è possibile che venga sentito già domani dagli inquirenti.

In paese non si parla d’altro

In paese a Rovio, in questi giorni, non si parla d’altro ed è pure emersa questa informazione che evoca il movente legato ai furti. Non era un segreto che tra padre e figlio ci fossero tensioni da diverso tempo. Intanto, l’uomo, che aveva avviato un’attività di giardiniere, alla quale collaborava saltuariamente anche 22enne, è stato nuovamente interrogato oggi. Nel frattempo si sta pian piano diradando la nebbia sui motivi che avrebbero originato lo sparo contro il figlio da parte del padre, che si trova in stato di detenzione alla Farera accusato di tentato assassinio, subordinatamente tentato omicidio e infrazione alla Legge federale sulle armi.

Leggi anche:

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
8 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
9 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
10 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
10 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
11 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
15 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
16 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
17 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
17 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
© Regiopress, All rights reserved