laRegione
08.08.22 - 16:32
Aggiornamento: 19:17

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22

tentato-assassinio-c-era-alta-tensione-tra-padre-e-figlio
Ti-Press
Il giovane rimane in cure intensive

Sono in via di miglioramento le condizioni del 22enne. Colpito domenica verso le 10 in via Aeroporto ad Agno dal padre 49enne con uno o più colpi d’arma da fuoco – gli inquirenti stanno raccogliendo e confrontando le diverse testimonianze a tal proposito - il giovane rimane tuttora ricoverato all’ospedale nel reparto di cure intensive. Intanto questo pomeriggio è stata rinvenuta l’arma da fuoco utilizzata dall’autore del grave fatto di sangue. L’uomo si è liberato dell’arma sulla strada del ritorno, da Agno verso il domicilio di Rovio, dove ieri è stato arrestato: si tratta di un fucile Flobert calibro 22 a cui è stata mozzata la canna e il calcio.

Manca invece ancora un preciso movente che ha sprigionato nell’uomo una furia omicida. Appena sarà possibile, il 22enne sarà sentito dagli inquirenti – l’inchiesta è condotta dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo – per conoscere la sua versione dei fatti.

Intanto, dalle nostre indagini, emerge un rapporto complicato, tra il padre (con problemi di droga, e già conosciuto alle forze dell’ordine) che ha premuto il grilletto e il figlio che quel proiettile ha colpito. Secondo alcuni conoscenti della vittima, i due litigavano violentemente con forza, tanto che in alcuni episodi sono arrivati perfino alle mani. Uno di questi scontri, avvenuto, secondo una testimone, nei pressi del Bar San Marino di Melano ha portato il padre a cacciare il figlio 22enne di casa. «Capitava spesso che litigassero – ci spiega un’amica della vittima –, tanto che molte volte lui chiedeva ospitalità ai propri amici. Lo ha fatto anche con me, per questo credo sia possibile che il motivo per cui si trovava ad Agno è perché stava alloggiando da qualche conoscente». Il 22enne, infatti, risulta ancora residente a Rovio, nella stessa casa del padre. Il 49enne possiede una ditta di giardiniere, e talvolta, nei momenti di quiete, faceva dei lavori anche con il figlio.

Parla il testimone che ha allertato polizia e soccorsi

Si presentava tranquilla la cittadina di Agno questa mattina, all’indomani del gravissimo fatto di sangue. Un primo testimone riferisce di aver sentito domenica un ragazzo, verso le 10, gridare "aiuto, mi hanno sparato con il fucile". Rinaldo Caimi (una ex guardia di confine che vive in via Aeroporto ad Agno) è invece colui che era presente nel luogo del fatto di sangue e che ha allertato i soccorsi e segnalato il caso alla polizia. Tutto è cominciato con delle grida e delle richieste d’aiuto. Immediatamente il nostro interlocutore spiega di essersi spostato verso la strada e di aver visto «un ragazzo che correva davanti all’abitazione a torso nudo. Stava appoggiando la maglietta – sporca di sangue – sulla ferita». Qualche instante dopo è sopraggiunta un’auto che il giovane malcapitato ha fermato: «È entrato in macchina violentemente dicendo alla donna al volante di fare inversione e andare via immediatamente – continua Caimi –. Probabilmente non voleva andare incontro al suo aggressore». Nel frattempo è arrivato qualcuno a bordo di uno scooter che si è fermato e ha chiamato il giovane per nome dicendo "non sono stato io". A questo, la vittima ha replicato dandogli del vigliacco. Il diverbio è terminato così: la donna ha portato il ragazzo in ospedale e l’altro uomo è risalito sul suo scooter e si è dileguato. Caimi ha poi contattato la polizia, fornendo agli inquirenti la targa dello scooter. «Erano tutti volti sconosciuti. Anche se l’uomo con lo scooter parlava dialetto, non l’avevo mai visto in giro». Rinaldo Caimi aggiunge infine: «Io non ho avvertito nulla, ma una vicina della palazzina di fianco che abita al quinto piano ha sentito tre colpi ieri mattina».

Leggi anche:

Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
4 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
4 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
4 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
6 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
6 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
6 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
6 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Luganese
7 ore
PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano
Quindici Patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Grigioni
7 ore
Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti
L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
© Regiopress, All rights reserved