laRegione
la-citta-si-spopola-riduciamo-i-costi-degli-asili-nido
Ti-Press
Soluzioni cercansi
laR
 
27.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:13

‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’

Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La città di Lugano al centro di un progressivo calo demografico? Una soluzione ci sarebbe: "(...) per favorire l’insediamento su una più lunga durata di famiglie con bambini e coppie che desiderano avere figli, ci si chiede se non sia possibile prevedere un contributo finanziario erogato dalla Città – a condizioni da stabilire (quale esempio si potrebbe addurre la condizione della residenza a Lugano per un periodo di almeno tre anni, altrimenti il contributo decade) – atto a ridurre i costi per la frequentazione degli asili nido. Naturalmente, contestualmente alla questione sopra espressa, andrebbe fatto uno studio che prenda in esame tutti gli asili nido, pubblici e privati, e definisca se il loro numero è sufficiente per un Comune come il nostro o se si renderebbe necessario un incremento degli stessi per fornire servizi più capillari ed efficienti, ovviando così al problema delle lunghe liste di attesa. Per questo motivo, è necessario raccogliere alcune informazioni sui sevizi offerti da quegli istituti e sulle vie percorribili per fornire un più incisivo aiuto alle famiglie luganesi".

Tante domande all’attenzione dell’Esecutivo

Ne è convinta la consigliera comunale Giovanna Viscardi (Plr), che sul tema ha inoltrato un’interpellanza al Municipio di Lugano. Un atto che si collega a una recente mozione (4161, del 6.4.2021, presentata da Giovanni Albertini), al vaglio della Commissione della gestione. Osserva a tal proposito Viscardi: "A mente del mozionante, le cause della riduzione degli abitanti sarebbero da ricondurre da un canto a un’importante flessione delle nascite, dall’altro a una lenta ma costante migrazione verso altri Comuni, nei quali il costo della vita e i livelli delle pigioni in generale sarebbero più abbordabili. Sulla scorta di quanto previsto a livello cantonale, con la mozione 4161 si chiede d’introdurre un contributo per ogni figlio nato o adottato anche sul piano comunale, e ciò con il preciso scopo di alleggerire gli oneri finanziari delle famiglie, e d’incrementare il numero delle nascite. Al di là delle considerazioni circa quella mozione, gli scriventi ritengono che sarebbe opportuno valutare soluzioni che non si limitino a un contributo una tantum, ma che possano spingere le famiglie a rimanere sul suolo della città di Lugano anche per un termine più lungo".

Numerose le domande rivolte dall’interpellante al Municipio: Qual è la tendenza migratoria da e per la città di Lugano? Quali sono le variazioni delle cifre relative alle nuove nascite? Quante delle famiglie con nuovi nati restano sul territorio e quante invece trasferiscono il loro domicilio altrove? Quanti sono gli asili nido pubblici e come sono distribuiti sul territorio cittadino? E ancora: qual è il loro grado di occupazione e frequenza? Qual è la retta media pagata dalle famiglie a Lugano? Qual è la distribuzione tra le varie fasce di reddito? Quante sono le strutture private e come sono distribuite sul territorio cittadino? Qual è il loro grado di occupazione e frequenza? Risultano esservi liste d’attesa? Ritiene il Municipio che possa rendersi necessario un incentivo per favorire l’apertura di nuove strutture private? Quanto si discostano le rette per le strutture private da quelle pubbliche? Reputa possibile, il Municipio, prevedere un contributo finanziario volto a favorire la frequentazione degli asili nido da erogare alle famiglie con nuovi nati che decidono di restare sul territorio cittadino? Quale incidenza potrebbe avere un contributo di questo tipo sulle finanze cittadine? A quanto ammontano i costi totali attualmente sopportati dalla Città a sostegno degli asili nido?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asili nido demografia interpellanza lugano municipio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Luganese
1 ora
Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno
Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
2 ore
Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’
Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Ticino
3 ore
Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’
Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
4 ore
A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova
All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Gallery
Mendrisiotto
9 ore
Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue
Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
10 ore
Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne
Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
1 gior
Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina
Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 gior
Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito
L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior
Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)
Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior
La Centovallina torna a circolare in Italia
Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
© Regiopress, All rights reserved