laRegione
29.04.22 - 17:41
Aggiornamento: 18:04

Nuovo porto a Melide, cittadini alle urne il 19 giugno

Intanto il Municipio organizza una serata di dibattito sulla contestata variante pianificatoria che concede la possibilità di realizzare la struttura

nuovo-porto-a-melide-cittadini-alle-urne-il-19-giugno
Ti-Press
L’area dove potrebbe sorgere la struttura galleggiante

Cittadini di Melide convocati alle urne il prossimo 19 giugno, per decidere se confermare la decisione di Municipio e legislativo, ossia la variante pianificatoria per il nuovo porto comunale. La data della consultazione è stata adottata dall’esecutivo, che ha deciso di organizzare mercoledì 18 maggio, alle 20 nella sala ex Bic, una serata di dibattito pubblico alla quale parteciperanno il comitato favorevole e quello contrario alla variante di Pr. Una variante che, come noto, è contestata da una parte della popolazione. Tanto che il referendum lanciato all’inizio dell’anno, nel giro di qualche settimana, ha raccolto ben 207 firme, mentre ne servivano meno di 150 ed è riuscito senza problemi.

Un referendum che si è messo di traverso rispetto alla variante di Piano regolatore, che è stata votata da un’ampia maggioranza nell’ultima seduta di Consiglio comunale del 2021. Occorre tuttavia precisare che il via libera politico si è tradotto ‘unicamente’ con la possibilità di realizzare un nuovo porto galleggiante. In ogni caso, il risultato della raccolta di firme, ha rappresentato un successo, agli occhi dei promotori che si sono detti soddisfatti della risposta avuta dai cittadini in relativamente poco tempo. Da parte dei promotori, nell’ambito dell’informazione pubblica, verrà richiesta una tavola rotonda concordata con il Municipio (che, come detto, l’ha concessa) e più persone "addette ai lavori" per poter rispondere agli interrogativi dei cittadini e ascoltare le parti. I referendisti ribadiranno la "volontà di salvaguardare un bene pubblico come il lago, una delle pochissime zone sul Ceresio, dove è preservata la bellezza paesaggistica e ambientale (fattori importantissimi per il benessere dell’essere umano)".

Nel messaggio del Municipio, il progetto non c’è ancora ma ci sono comunque alcune proposte, una delle quali permette 120 attracchi galleggianti per un costo di circa 1,32 milioni di franchi. Secondo l’esecutivo, la riuscita del referendum dovrebbe essere l’occasione per discutere su un progetto: si potrebbero decidere quanti posti barca servono davvero e soprattutto come risolvere i problemi del porto, che negli ultimi mesi si trova in condizioni ambientali e logistiche tutt’altro che buone e non è stato toccato da interventi di miglioria e ammodernamento da oltre cinquant’anni, con parecchia melma inquinata sul fondo. In estrema sintesi, per la maggioranza politica, le strutture del porto in località "alla Bola" sono vetuste e non più adeguate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
34 min
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 ora
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 ora
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 ora
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
2 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
3 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
3 ore
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
3 ore
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
8 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
10 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
© Regiopress, All rights reserved