laRegione
Luganese
19.06.22 - 13:03
Aggiornamento: 21:06

Melide, sì di misura al nuovo porto

La variante di Piano regolatore è stata accolta dal 54% dei cittadini votanti

melide-si-di-misura-al-nuovo-porto
Ti-Press

La cittadinanza di Melide ha dato via libera alla variante di Piano regolatore che consentirà di realizzare un nuovo porto comunale. Il risultato è abbastanza tirato, con una percentuale dei favorevoli pari al 54%. Precisamente hanno votato sì 330 cittadini, mentre in 282 hanno votato no. La partecipazione al voto è stata del 61,2%.

Il nuovo porto, che verrebbe realizzato lungo la riva sud del ponte-diga, all’inizio della passeggiata, è stato voluto dal Municipio e da un’ampia maggioranza del Consiglio comunale – 16 voti favorevoli, 3 contrari – per risolvere le problematiche dell’attuale porto alla Bola – dalla particolare forma circolare – afflitto da una sorta di insabbiamento, inquinato da idrocarburi e di difficile agibilità per i natanti. È previsto un suo risanamento, con una diminuzione dei posti barca, che verrebbero appunto spostati nel nuovo porto. Il Cantone ha autorizzato un massimo di 120 attracchi, ma il progetto di dettaglio verrà presentato successivamente. La necessità di costruire un nuovo porto galleggiante era peraltro messa in discussione dai referendisti, secondo i quali si sarebbe potuto risanare l’esistente e cercare soluzioni alternativa senza toccare la pregiata ‘passeggiata’ Melide-Bissone. Argomenti che probabilmente torneranno d’attualità in futuro: la variante di Piano regolatore va ora in pubblicazione e, in un secondo tempo – se sarà confermata la scelta del nuovo pontile –, si tornerà in Consiglio comunale con un credito di costruzione, il costo dell’opera viene stimato in un milione e 300mila franchi.

Il sindaco Angelo Geninazzi appare sollevato dall’esito del voto. «Come Municipio prendiamo atto con favore del risultato. Ora si tratta di elaborare un progetto per il risanamento del porto della Bola; l’obiettivo è quello di non perdere complessivamente posti barca, ma il progetto dovrà anche tenere conto che un 46% della popolazione si è espressa in modo scettico, dunque bisognerà mostrarsi estremamente equilibrati. Ma penso che entrambi i fronti hanno ammesso la necessità di risanare l’attuale porto, che al momento è impraticabile per la melma presente sul fondo». Come mai non limitarsi a un risanamento della Bola? «Il Piano regolatore, approvato con 16 voti favorevoli e 3 contrari, venne elaborato perché col risanamento della Bola si andranno a perdere dei posti barca, oggi una quarantina. Inoltre mancano degli attracchi, così col Cantone è stato elaborato il Pr, per consentire uno ‘sfogo’. Ora abbiamo i margini per creare un porto che non sarà provvisorio, cioè che resterà anche in futuro. I tempi? L’elaborazione deve ancora avvenire, e ci vorrà una richiesta di credito, posso immaginare tra uno e due anni».

Luciano Albertini, del comitato dei referendisti. "Noi siamo comunque soddisfatti dell’esito, perché qui a Melide c’era una fortissima opposizione al nostro comitato di cittadini, mentre il messaggio era sostenuto dai presidenti dei partiti di maggioranza». Albertini lamenta pure una campagna informativa non proprio adeguata. «Qui era in votazione la variante di Piano regolatore, mentre loro (i favorevoli ndr) hanno impostato tutto il discorso sul risanamento del porto comunale. Cosa che anche per noi va fatta comunque, ma ci sarebbero anche possibilità di farlo senza andare a costruire 120 posti barca. A livello temporaneo, durante il dragaggio del fondale, le barche si sarebbero potute sistemare per qualche mese nel periodo invernale in un porto privato lì vicino, un 25 posti, e poi c’è una spiaggia non occupata dove il resto delle barche sarebbero potuto rimanere provvisoriamente». Ma cosa non va di questo porto? «I motivi dell’opposizione sono di tipo paesaggistico e ambientale, tanto è vero che hanno subito preso posizione tutti i pescatori. È una zona dove ci sono le macrofite, che permettono il ripopolamento dei pesci. E poi l’impatto sulla passeggiata Melide-Bissone, che già è stata snaturata da nuove costruzioni. Con un porto del genere perderebbe tutta la sua qualità». «Il compito del nostro comitato referendario finisce qui, ora la palla passa al Municipio e al Consiglio comunale».

Spettatori interessati di questa operazione, tra gli altri, i promotori del vicino complesso turistico in costruzione sul terreno dove sorgeva la ‘Romantica’, anche se il Municipio assicura che il futuro porto galleggiante avrà carattere pubblico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
40 min
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’.
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
© Regiopress, All rights reserved