laRegione
caso-divoora-spunta-un-nuovo-contratto-e-salta-la-conciliazione
Ti-Press
Il nuovo contratto entrerà in vigore dal Primo Maggio, festa dei lavoratori
28.04.22 - 17:38
Aggiornamento: 21:54

Caso Divoora, spunta un nuovo contratto e salta la conciliazione

L’azienda di delivery vuole che i driver riconoscano l’attesa come ‘orario non lavorativo’. Unia insorge: ‘nessuna raccomandazione dall’Ufficio cantonale’

«Ormai non abbiamo più alcuna richiesta per Divoora. Il loro modo di lavorare e la loro politica aziendale sono chiare. Ognuno si assumerà le sue responsabilità». Non è andata a buon fine, come si può intuire dalle parole del segretario regionale di Unia Giangiorgio Gargantini, la conciliazione tra la ditta di delivery e i rappresentanti dei fattorini (‘driver’). Al centro della vertenza la paga di 35 centesimi al minuto, corrisposta esclusivamente durante il periodo effettivo della consegna, indicata all’interno dei contratti sottoposti ai collaboratori lo scorso mese di ottobre. Un escamotage, come lo avevano definito i sindacati, per aggirare l’introduzione della Legge sul salario minimo. «Durante il periodo di conciliazione, con le discussioni ancora in corso, Divoora ha sottoposto ai driver un nuovo contratto», ha spiegato Chiara Landi di Unia durante un incontro con i media. «Firmando questo documento il dipendente riconosce che il tempo d’attesa non è lavoro, e quindi non va retribuito. Non è accettabile, si vuole creare un vincolo psicologico con il lavoratore e spingerlo a rinunciare ai suoi diritti». Questo il passaggio del nuovo contratto contestato: "Di comune accordo i contraenti pattuiscono pertanto, che il tempo tra un servizio e l’altro non è da considerarsi ‘tempo d’attesa’, ‘di prontezza’ o di disponibilità’. Per orario di lavoro si intende ai sensi del presente contratto unicamente il tempo impiegato per effettuare una singola consegna". Sono state in totale tre le sedute di conciliazione che si sono tenute tra le parti, nel periodo compreso tra il 10 marzo e il 14 aprile. L’azienda, dai noi interpellata, ha comunicato che al momento non intende prendere posizione.

‘Rimborsi spesa di 17 centesimi al chilometro’

Il nuovo contratto entrerà in vigore, nelle intenzioni dell’azienda di Breganzona, a partire dal 1° maggio (giorno della festa dei lavoratori, ndr). «Alcuni dipendenti hanno già firmato, altri si sono presi del tempo per decidere. Questo però non cambia le rivendicazioni, che vanno avanti anche se si mette la firma sul contratto. Una scelta spesso dettata da una situazione economica molto delicata», ha proseguito Landi. Un altro punto contestato è quello legato ai rimborsi spesa (come ad esempio la benzina), che Divoora riconosce ai suoi collaboratori. «Sono stati introdotti dei nuovi tariffari, diversi per ogni dipendente. Non si capisce quali sono i criteri utilizzati per stabilire le cifre, che sono irrisorie». Qualche esempio? Ai driver che utilizzano il proprio veicolo viene corrisposto un rimborso pari a circa 17 centesimi al chilometro. «Per altri si parla di 16 centesimi, o magari 20. Siamo comunque ben distanti dai 70 centesimi indicati dal Touring club svizzero (Tcs). Senza considerare gli attuali prezzi di benzina e diesel». Per chi invece si sposta con la bicicletta (anche elettrica) il rimborso ammonta a 30 centesimi l’ora, mentre per quanto riguarda il cellulare (utilizzato per ricevere l’ordine, e di proprietà del driver) si riconosce 5 franchi fino a 110 ore di lavoro e 10 franchi dalle 110 ore alle 184. «I rimborsi non coprono le spese effettive dei corrieri. Siamo nella situazione dove si deve pagare per lavorare», ribadisce Landi. A essere rimproverato all’azienda è il non voler riconoscere che un modello sostenibile, che corrisponda paghe dignitose, può essere applicato. «L’esempio ci è dato da alcuni paesi limitrofi, dove i sindacati hanno trovato un accordo con Justeat alle condizioni da noi proposte». Il riferimento è al pagamento corrisposto al dipendente per tutto il tempo durante il quale è a disposizione dell’azienda.

‘Sono mancate le raccomandazioni dell’Ufficio di conciliazione’

Chiamato in causa nelle trattative anche l’Ufficio cantonale di conciliazione, presieduto da Christian Vitta. «Auspicavamo che l’Ufficio desse delle raccomandazioni all’azienda, ma non è stato così», ha spiegato Gargantini. «Non si trattava di un passaggio obbligato. Ma in altri cantoni, durante vertenze di questo genere, era successo». Ufficio che da noi contattato ha spiegato di non voler commentare casi specifici, sottolineando tuttavia che il suo ruolo è quello di cercare di conciliare le parti, nel limite della volontà di quest’ultime, e non fornire raccomandazioni. Dell’esito della trattativa è stato avvisato anche il Consiglio di Stato. L’appello dei rappresentanti delle parti sociali si è quindi rivolto ai sindaci dei grandi centri urbani, ai ristoranti partner della piattaforma («che vedono sotto i loro occhi questi abusi») e alla popolazione. «Come clienti non possiamo essere complici di queste politiche aziendali. Se la consegna è gratis, come indica l’ultima pubblicità promossa da Divoora, vuol dire che c’è qualcuno che la sta pagando per noi. In questo caso il driver». La vicenda è comunque destinata a far discutere anche in futuro. Recentemente Divoora ha infatti ampliato la sua offerta di consegne. Oltre al cibo è ora possibile farsi portare a casa anche altri generi, come i farmaci o la spesa. «Questo comporta, secondo la Legge federale sulle poste (Lpo), il doversi notificare come ditta di spedizione. Cosa che Divoora al momento non ci risulta abbia fatto». La notifica è quindi stata inoltrata negli scorsi giorni da Unia alla commissione competente. «Se venisse accettata imporrebbe l’introduzione di un contratto collettivo di lavoro, che saremmo felici di discutere per trovare una soluzione soddisfacente per tutti», conclude il segretario cantonale di Unia.

Leggi anche:

Il caso Divoora va in conciliazione

Driver: ‘35 centesimi al minuto, ma senza ordini è una miseria’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
breganzona chiara landi divoora giangiorgio gargantini unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
50 min
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
3 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
12 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
14 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
15 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
15 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
16 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
16 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
18 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
21 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved