laRegione
trattative-fallite-i-driver-di-divoora-entrano-in-sciopero
Ti-Press
23.12.21 - 12:18
Aggiornamento: 17:54

Trattative fallite, i driver di Divoora entrano in sciopero

L’azienda non vuole riconoscere il tempo di attesa fra una consegna e l’altra. I dipendenti: ‘Dove sono i nostri diritti? Siamo esseri umani, non schiavi’

I driver Divoora incrociano le braccia, al grido «la dignità e i diritti non si possono... divorare». In piazza della Riforma a Lugano è stata annunciata oggi una giornata di mobilitazione e di astensione dal lavoro, dopo che le trattative fra dipendenti e sindacati da un lato e azienda dall’altro sono ieri naufragate. Così, i dipendenti si sono riuniti in assemblea e sostenuti dai sindacati Unia e Ocst hanno deciso di entrare in sciopero.

Il caso Divoora è esploso circa due mesi fa, quando ai dipendenti sono stati cambiati i contratti peggiorandone notevolmente le condizioni di lavoro, non riconoscendo in sostanza i tempi di attesa fra una consegna e l’altra. «Ieri purtroppo l’azienda ha rifiutato la richiesta base, ossia il riconoscimento di ogni ora lavorata», ha detto Giangiorgio Gargantini (Unia). La tesi padronale sarebbe che i lavoratori possono rifiutare le ordinazioni: «Non sta né in cielo né in terra». «A fronte del rifiuto dei lavoratori di adattarsi a queste condizioni – ha proseguito il sindacalista – l’azienda sta investendo in targhe ticinesi da apporre sui veicoli per trovare in tal modo lavoratori disposti a essere pagati così poco (il riferimento è ai frontalieri, ndr)». E qualcuno che accetta di essere sottopagato sarebbe già stato trovato: «Abbiamo informazioni di dipendenti assunti con contratti che prevedono doppie condizioni salariali: il minimo per il lavorato e il 20% (ossia 4 franchi, ndr) per i tempi d’attesa».

Sul piede di guerra anche il sindacato Ocst: «Il popolo ha voluto il salario minimo proprio perché ci sono sempre più spesso queste situazioni – ha detto Diana Camenzind –, è ora di dire basta! Queste porcherie in Ticino non le vogliamo più». Toccanti, in questo contesto, anche le testimonianze di due dipendenti scesi in piazza: «Siamo persone semplici che lavorano con dignità, dignità che ci è stata brutalmente tolta con la modifica del contratto che prevedeva 35 centesimi al minuto» ha detto una; «dove sono i nostri diritti? Siamo esseri umani, non schiavi. Siamo arrivati a Natale stanchi e con stipendi miseri» le ha fatto eco un altro.

Gargantini ha precisato che questa è sì una prova di forza, ma che si intende tornare al tavolo delle trattative. Ma a due condizioni: «L’azienda deve mettere nero su bianco una durata minima del lavoro e il riconoscimento dei tempi d’attesa».

Queste, nel dettaglio, le richieste dei dipendenti:

  • il riconoscimento immediato di tutto il tempo di lavoro
  • il pagamento del salario per tutte le ore dei turni effettuate
  • una pianificazione dell’orario di lavoro equa e regolare
  • l’introduzione di un sistema corretto di rimborso spese per l’utilizzo di veicoli privati
  • il riconoscimento del diritto all’indennità di malattia
Leggi anche:

Divoora, i fattorini: ‘Mi porto il telefono anche in bagno’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divoora sciopero unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
5 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
7 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
16 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
18 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
19 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
19 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
20 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
20 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
22 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved