laRegione
il-caso-divoora-va-in-conciliazione
Ti-Press
Lugano
25.02.22 - 18:00
Aggiornamento: 18:55

Il caso Divoora va in conciliazione

La società dei driver pagati al minuto verrà convocata da Christian Vitta

Il caso della Divoora, la ditta che paga i suoi fattorini (‘driver’) solo i minuti di lavoro effettivamente svolti in missione, portando cibo alla clientela (senza il tempo passato in attesa della chiamata) approda a Bellinzona nelle mani di Christian Vitta. Non come consigliere di Stato, ma in qualità di presidente dell’Ufficio cantonale di conciliazione. A lui, cioè all’Ufficio conciliazione, una delegazione sindacale guidata da Diana Camenzind dell’Ocst e Giangiorgio Gargantini di Unia ha consegnato le le 2’300 firme della petizione, che i vertici di Divoora si sono rifiutati di ricevere. "D’altra parte l’Ufficio di conciliazione è preposto a trovare delle sintesi in caso di conflitto sul lavoro" ci dice lo stesso Gargantini. "È un tentativo, quello che facciamo, stiamo agendo anche in altre sedi ma i tempi della giustizia sono molto lunghi, mentre alla Divoora ci sono dei driver in condizioni di lavoro inaccettabili". Come ha reagito Vitta? "L’Ufficio di convocazione convocherà le parti". Certo che passare dalla ‘paga al minuto’ a una soluzione dignitosa sembra un passo enorme. "È vero, d’altra parte non sarebbe difficile trovare una soluzione: ogni minuto a disposizione del datore di lavoro va pagato, semplicemente. Confidiamo in una presa di coscienza della legge da parte della ditta, riguardo a ciò che è previsto dalla Legge sul lavoro e del codice delle obbligazioni".

Il contratto, sostanzialmente imposto ai driver lo scorso autunno, prevede la retribuzione di 35 centesimi a minuto effettivamente lavorato, il che stando alle testimonianze ha posto i lavoratori in una condizione di miseria. Vani finora i tentativi di trattare con la società di Breganzona per le parti sindacali; anzi, è arrivata pure una raffica di licenziamenti.

Leggi anche:

Driver: ‘35 centesimi al minuto, ma senza ordini è una miseria’

Licenziamenti Dpd: ‘si sono voluti sbarazzare degli scocciatori’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divoora lavoro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
36 min
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
12 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
13 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
13 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
13 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
14 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
15 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
19 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
19 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Ticino
20 ore
Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio
Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
© Regiopress, All rights reserved