laRegione
autogestione-la-tabella-di-marcia-del-municipio-di-lugano
archivio Ti-Press
Era il 30 dicembre 2021
13.01.22 - 16:09
Aggiornamento : 16:54

Autogestione, la tabella di marcia del Municipio di Lugano

La prima seduta dell’anno ha portato a chiarimenti interni. Il futuro del dossier va avanti all’unanimità

Si è parlato anche di autogestione nel corso della prima seduta dell’anno del Municipio di Lugano. Una discussione attesa, dopo la parziale rioccupazione dell’ex Macello che ha caratterizzato i giorni prima di Capodanno e che ha nuovamente portato alla luce le divisioni interne già emerse nello sgombero dello scorso mese di maggio. «Ci siamo chiariti al nostro interno – conferma il sindaco di Lugano Michele Foletti –. È stato un dialogo dovuto e interessante e i rapporti tra noi sette si sono normalizzati. Questo anche perché non c’era più stata occasione di incontrarsi e parlare tutti insieme dopo quanto accaduto».

Si cerca un interlocutore designato

Il ritorno del sereno è stato sancito con una decisione «all’unanimità» in merito al futuro del dossier. «Come facciamo da giugno – aggiunge Foletti – il Municipio ribadisce la disponibilità a riconsegnare gli effetti personali e quanto rimasto all’ex Macello». Quello che viene chiesto a Csoa e Associazione Alba è di accordarsi «sul chi rappresenta chi, di modo che possiamo riconsegnare le masserizie senza denunce». Il secondo punto stabilito è la «piena disponibilità del Municipio a trattare sulle varie richieste che ci sono». Il sindaco di Lugano spiega che questo potrà avvenire solo «con qualcuno designato e rappresentativo dell’assemblea del Csoa». Una volta che l’interlocutore verrà designato, si potrà iniziare a parlare di futuro. «Un futuro che passerà da una nuova convenzione con delle regole precise che permetteranno di tollerare un sistema di autogestione».

La ricerca di una sede

Il passo che seguirà la definizione delle regole sarà la ricerca, «insieme», di una nuova sede da destinare all’autogestione. «Evidentemente – sottolinea ancora Michele Foletti – questa non potrà essere l’ex Macello perché c’è la decisione del Consiglio comunale sulla sua nuova destinazione e la Città sta lavorando per presentare il messaggio con la richiesta del credito di progettazione». Il Municipio è «disponibile a trovare soluzioni», siano esse all’interno di proprietà comunali o di enti pubblici o privati, «visto che si discuterà sulla base di regole di comportamento e gestione che saranno messe nero su bianco». Nei mesi scorsi si era parlato di una possibile ubicazione all’ex depuratore di Cadro. «Questo è quanto abbiamo noi come città – precisa Foletti –. Se ci sarà la disponibilità a trovare delle regole, siamo disposti a contattare altri enti e cercare una soluzione». In attesa di poter concretizzare la tabella di marcia, il punto di partenza del Municipio è chiaro. «Non tollereremo episodi di violenza e delinquenza», conclude Michele Foletti.

Leggi anche:

Sale la tensione all’ex Macello, scontri con la polizia

L’alternativa all’ex Macello? L’ex depuratore di Cadro

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autogestione lugano michele foletti municipio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
15 ore
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
17 ore
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
20 ore
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior
Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne
Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior
‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’
La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior
‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’
Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior
Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’
A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior
E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues
Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior
Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni
L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior
Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar
La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
© Regiopress, All rights reserved