laRegione
13.01.22 - 16:09
Aggiornamento: 16:54

Autogestione, la tabella di marcia del Municipio di Lugano

La prima seduta dell’anno ha portato a chiarimenti interni. Il futuro del dossier va avanti all’unanimità

autogestione-la-tabella-di-marcia-del-municipio-di-lugano
archivio Ti-Press
Era il 30 dicembre 2021

Si è parlato anche di autogestione nel corso della prima seduta dell’anno del Municipio di Lugano. Una discussione attesa, dopo la parziale rioccupazione dell’ex Macello che ha caratterizzato i giorni prima di Capodanno e che ha nuovamente portato alla luce le divisioni interne già emerse nello sgombero dello scorso mese di maggio. «Ci siamo chiariti al nostro interno – conferma il sindaco di Lugano Michele Foletti –. È stato un dialogo dovuto e interessante e i rapporti tra noi sette si sono normalizzati. Questo anche perché non c’era più stata occasione di incontrarsi e parlare tutti insieme dopo quanto accaduto».

Si cerca un interlocutore designato

Il ritorno del sereno è stato sancito con una decisione «all’unanimità» in merito al futuro del dossier. «Come facciamo da giugno – aggiunge Foletti – il Municipio ribadisce la disponibilità a riconsegnare gli effetti personali e quanto rimasto all’ex Macello». Quello che viene chiesto a Csoa e Associazione Alba è di accordarsi «sul chi rappresenta chi, di modo che possiamo riconsegnare le masserizie senza denunce». Il secondo punto stabilito è la «piena disponibilità del Municipio a trattare sulle varie richieste che ci sono». Il sindaco di Lugano spiega che questo potrà avvenire solo «con qualcuno designato e rappresentativo dell’assemblea del Csoa». Una volta che l’interlocutore verrà designato, si potrà iniziare a parlare di futuro. «Un futuro che passerà da una nuova convenzione con delle regole precise che permetteranno di tollerare un sistema di autogestione».

La ricerca di una sede

Il passo che seguirà la definizione delle regole sarà la ricerca, «insieme», di una nuova sede da destinare all’autogestione. «Evidentemente – sottolinea ancora Michele Foletti – questa non potrà essere l’ex Macello perché c’è la decisione del Consiglio comunale sulla sua nuova destinazione e la Città sta lavorando per presentare il messaggio con la richiesta del credito di progettazione». Il Municipio è «disponibile a trovare soluzioni», siano esse all’interno di proprietà comunali o di enti pubblici o privati, «visto che si discuterà sulla base di regole di comportamento e gestione che saranno messe nero su bianco». Nei mesi scorsi si era parlato di una possibile ubicazione all’ex depuratore di Cadro. «Questo è quanto abbiamo noi come città – precisa Foletti –. Se ci sarà la disponibilità a trovare delle regole, siamo disposti a contattare altri enti e cercare una soluzione». In attesa di poter concretizzare la tabella di marcia, il punto di partenza del Municipio è chiaro. «Non tollereremo episodi di violenza e delinquenza», conclude Michele Foletti.

Leggi anche:

Sale la tensione all’ex Macello, scontri con la polizia

L’alternativa all’ex Macello? L’ex depuratore di Cadro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
13 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
13 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
14 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
15 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
16 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved