laRegione
23.11.21 - 12:03
Aggiornamento: 14:52

In carcere pure l’amico del parroco di Cadro

Il giudice dei provvedimenti coercitivi ha convalidato l’arresto anche del 27enne italiano accusato, come don Samuele Tamagni, di reati patrimoniali

in-carcere-pure-l-amico-del-parroco-di-cadro
Ti-Press
Si allarga l’indagine

Secondo arresto nell’inchiesta penale per truffa, appropriazione indebita e riciclaggio promossa dal procuratore pubblico Daniele Galliano. Dopo la misura restrittiva decisa per il parroco di Cadro e Davesco, don Samuele Tamagni, che si era presentato spontaneamente venerdì scorso in Magistratura per autodenunciarsi di reati patrimoniali commessi nei confronti di alcuni familiari, della Fondazione Tamagni attiva per la lotta contro la violenza giovanile, presieduta da suo fratello Maurizio, e nei confronti della parrocchia di Cadro, il giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato il carcere anche per il 27enne italiano, trasferitosi in Ticino dalla Campania nel 2017. Entrambi gli indagati, per cui dunque il gpc ha convalidato gli arresti, devono rispondere degli stessi reati.

Alcune centinaia di migliaia di franchi l’ammanco nei confronti dei familiari del sacerdote

Secondo informazioni raccolte da laRegione, don Samuele, che si era invaghito del giovane, avrebbe ricevuto da lui ripetute richieste di denaro. E, non potendo più attingere alle proprie finanze, avrebbe sottratto ingenti somme dalle casse della parrocchia, agevolato dalla sua veste di vicepresidente del Consiglio parrocchiale. Ha inoltre compiuto sottrazioni indebite nei confronti di familiari e, in misura minore, della Fondazione Tamagni, in questo caso senza gravi conseguenze come ha puntualizzato ieri in una breve nota stampa il fratello Maurizio (“Per il momento posso dire che il danno causato alla fondazione è minimo e non ne preclude l’attività”). Le appropriazioni indebite sarebbero avvenute soprattutto nei confronti dei familiari di don Samuele Tamagni: si parla di alcune centinaia di migliaia di franchi.

Leggi anche:

Parroco e vicepresidente e quelle richieste di denaro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
47 min
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura “in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura”, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
1 ora
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
1 ora
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
2 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
2 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
3 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: “Mi piange il cuore”
Ticino
6 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
8 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
8 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
8 ore
Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate
Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
© Regiopress, All rights reserved