laRegione
23.11.21 - 18:54

I familiari le principali vittime del parroco di Cadro

Ammontano ad alcune centinaia di migliaia di franchi le appropriazioni indebite compiute dal sacerdote, che ha consegnato Pc e telefonino al magistrato

di Guido Grilli
i-familiari-le-principali-vittime-del-parroco-di-cadro
Ti-Press
Doccia fredda per la comunità di Cadro

Si sta delineando il quadro dei reati patrimoniali compiuti e per i quali si è autodenunciato al Ministero pubblico venerdì pomeriggio scorso il parroco di Cadro e Davesco, don Samuele Tamagni. Complessivamente le appropriazioni indebite ammontano ad alcune centinaia di migliaia di franchi e sono state perpetrate dal sacerdote principalmente ai danni dei propri familiari. In misura invece minore – nell’ordine di migliaia di franchi, soprattutto prelevando indebitamente dalla cassa in contanti – il prete quarantenne ha rubato soldi alla parrocchia di Cadro. Esigua risulta inoltre l’entità delle somme sottratte alla Fondazione Tamagni, presieduta dal fratello del sacerdote, Maurizio, fondazione attiva contro la violenza giovanile nata nel 2008 in memoria del figlio Damiano, rispettivamente nipote del parroco, ucciso dopo un pestaggio avvenuto durante il Carnevale di Locarno.

Con la valigetta dal procuratore pubblico

Don Samuele Tamagni avrebbe, come si dice, vuotato completamente il sacco, afflitto da un peso sulla coscienza dal quale non riusciva a liberarsi da circa tre anni. Tanto sono durate le truffe e le appropriazioni indebite messe a segno dal presbitero diocesano. Così, venerdì pomeriggio, dopo essersi consultato con il suo legale, l’avvocato Luigi Mattei, il quarantenne, vicepresidente del Consiglio parrocchiale di Cadro, si è presentato spontaneamente dal procuratore pubblico Daniele Galliano, accompagnato dal suo patrocinatore, con una valigetta contenente documenti e il suo personal computer che ha consegnato al magistrato, unitamente al telefonino smartphone. Insomma, un atto di piena collaborazione con gli inquirenti cui ora spetterà il delicato compito di riscontrare l’oggettività di quanto raccontato e prodotto dall’indagato. Tra i reati anche quello di riciclaggio, che potrebbe essersi prefigurato con versamenti all’estero di patrimoni sottratti appunto alle sue vittime.

Un’amicizia sconveniente

Intanto, in mattinata, la giudice dei provvedimenti coercitivi Ursula Züblin ha convalidato l’arresto del sacerdote. Non solo. La misura restrittiva è stata disposta anche per l’amico del parroco, un cittadino italiano di 27 anni, trasferitosi in Ticino dalla Campania alcuni anni fa, e che avrebbe indotto il presbitero diocesano a consegnargli le ingenti somme attraverso ripetute richieste. Un’amicizia rivelatasi per il sacerdote decisamente sconveniente. E proprio il ruolo ricoperto dal giovane nell’ambito dei reati patrimoniali dovrà essere delineato dal procuratore pubblico Galliano, titolare dell’inchiesta penale. Anche il 27enne è accusato degli stessi reati che hanno portato in carcere entrambi: truffa, appropriazione indebita e riciclaggio di denaro.

La notizia dell’arresto di don Samuele Tamagni, un insospettabile, definito dalla comunità di Cadro e Davesco-Soragno un parroco molto attivo e propositivo, soprattutto per le colonie di successo istituite negli ultimi anni, ha rappresentato una doccia fredda. Intanto, da noi interpellati, i vertici del Consiglio parrocchiale ci hanno spiegato di non poter rilasciare nessuna dichiarazione sulla vicenda, fintanto che l’inchiesta penale non sarà conclusa. Ma intanto le attività della comunità saranno garantite. Comprese le messe di domenica prossima, che saranno affidate a un parroco sostituto che la Curia sta per designare.

Leggi anche:

Parroco e vicepresidente e quelle richieste di denaro

In carcere pure l’amico del parroco di Cadro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
7 ore
La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa
Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
7 ore
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
15 ore
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
15 ore
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
15 ore
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 gior
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
1 gior
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
© Regiopress, All rights reserved