laRegione
11.11.21 - 18:38
Aggiornamento: 19:03

Pse, Lombardi: ‘Se passa il no se ne riparla dal 2028’

Il Municipio di Lugano ha risposto agli oppositori del Polo sportivo, ribadendo che in caso di ‘no’ alle urne si dovrebbe rifare il Piano di quartiere

pse-lombardi-se-passa-il-no-se-ne-riparla-dal-2028
Si vota fra un paio di settimane (Ti-Press)

Se il 28 novembre alle urne dovesse spuntarla il no, per riavere un nuovo progetto che contempli uno stadio di calcio altrettanto nuovo per la città di Lugano si dovrà aspettare «almeno il 2028». Questo è il «calcolo minimale» abbozzato da Filippo Lombardi. La Città ha risposto oggi – dopo che lo aveva già fatto pubblicamente con un comunicato stampa un paio di giorni fa – alla lettera inviata a Palazzo Civico dagli oppositori del Polo sportivo e degli eventi (Pse), che contestavano l’informazione data dall’esecutivo in particolar modo sul côté finanziario negli opuscoli distribuiti ai fuochi. Ebbene, in questo contesto il capodicastero Sviluppo territoriale ha voluto mettere i puntini sulle i riguardo a quelle che il Municipio giudica essere delle inesattezze circolate nei giorni scorsi.

«Nell’eventualità che vincano i ‘no’ – ha detto quindi il municipale –, non c’è alcun piano B sul Pse. Ho sentito delle cifre che mi lasciano sbalordito. Quattro mesi per riavere un progetto sono impensabili, ma come lo sono anche un paio d’anni. Ricordiamoci che c’è un Piano di quartiere che prevede tutti i contenuti del Pse. Se alcuni di questi dovessero venir meno, questo comporterebbe il decadimento dell’intero Piano, che andrebbe quindi riprogettato, sarebbero necessari un nuovo concorso e ulteriori modifiche, come pure un nuovo accordo con eventuali altri privati. Tutto questo costerebbe molto tempo. Il calcolo minimale è sull’orizzonte almeno del 2028».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
10 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
11 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
11 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
12 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
12 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
12 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
14 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Mendrisiotto
17 ore
Morbio Inferiore, tra incubi del vetro e turismo del rifiuto
L’ecopunto in via Pascuritt è molto gettonato, tanto che, secondo un residente della zona, ogni giorno ci sarebbero 20 contravvenzioni
Bellinzonese
17 ore
Minacciava di suicidarsi, ‘salvato’ da polizia e Croce Verde
Vasto dispiegamento di polizia e sanitari questa mattina in via Galbisio a Carasso: evitato il peggio, l’uomo è stato ricoverato
© Regiopress, All rights reserved