laRegione
laR
 
23.11.21 - 05:30

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto

polo-sportivo-a-lugano-siamo-in-zona-cesarini

C’è grande inquietudine e tanta apprensione a Lugano per il responso inappellabile delle urne sul Polo sportivo e degli eventi (Pse). Mancano pochi giorni a domenica 28 novembre quando si saprà se la popolazione di Lugano autorizzerà la concretizzazione del progetto. Finalmente. La campagna è stata quantomai intensa tra i sostenitori e i contrari. A tratti, è parsa una battaglia ideologica caratterizzata da un’aggressività esagerata a suon di colpi bassi sui social e pure in strada: come non ricordare le minacce subite da chi raccoglieva le firme per il referendum e la lista nera con i nomi dei consiglieri comunali critici sul tema. Entrambe le parti, o sarebbe meglio dire fazioni, hanno fatto valere le proprie posizioni, ribadite ripetutamente, tanto che, forse, una tale cacofonia ha generato più confusione che chiarezza. L’unica cosa su cui tutti sono d’accordo è la necessità delle infrastrutture sportive. A creare spaccature incolmabili, sono invece le modalità di realizzazione, gli oneri a carico dell’ente pubblico e quindi della cittadinanza e soprattutto l’accordo di partenariato pubblico privato.

È un banco di prova importante, una sorta di esame, per il Municipio di Lugano e per la maggioranza politica che, nel marzo scorso, ha approvato l’operazione. Una sconfitta nella partita delle urne domenica prossima rappresenterebbe un duro colpo alla credibilità dell’esecutivo, in questo già travagliato inizio di legislatura, con l’inchiesta penale sulla demolizione di un edificio dell’ex macello ancora aperta e senza risposte chiare su chi ha chiamato le ruspe la notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi. Una sconfitta che, secondo i favorevoli, implicherebbe il rifare daccapo le procedure per lo stadio e il palazzetto, mentre verrebbe sconfessato il lavoro decennale dell’autorità cittadina. L’argomento Pse è stato sviscerato in tutte le salse e ha creato divisioni e grosse discussioni anche in alcuni partiti, in particolare nei socialisti e nel Partito liberale radicale. Come spesso succede nelle votazioni, rischiano di prevalere ragioni di pancia rispetto a quelle di testa. Eppure, in gioco c’è un progetto che ha coinvolto l’intera squadra municipale e che mira a rivoluzionare il comparto di Cornaredo, dal punto di vista architettonico, urbanistico e viario. Anche per questa ragione, non solo per l’entità dei costi dell’operazione, è giusto che sia la popolazione ad avere l’ultima parola in questo esercizio di democrazia diretta. L’esito del referendum, comunque finisca, avrà effetti concreti da subito: l’avvio o lo stop al cantiere.

L’auspicio è che la partecipazione sia massiccia e nettamente superiore a quella dell’ultimo referendum, che nel giugno del 2011 chiamò la cittadinanza di Lugano alle urne sul progetto di riqualifica della foce del fiume Cassarate. Allora, furono soltanto il 32,7% degli aventi diritto al voto a esprimersi. La scelta del Municipio e della maggioranza del Consiglio comunale prevalse con il 50,1% dei consensi, poco più di un centinaio di voti. Il risultato sul Pse rischia di essere altrettanto tirato anche stavolta, con uno scarto minimo tra vincitori e perdenti, in un confronto che potrebbe decidersi in zona Cesarini. Non è però il caso di fare paragoni. La portata della decisione che verrà presa domenica appare ben più significativa rispetto a quella di dieci anni fa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
2 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
3 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
3 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
4 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
6 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 sett
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 sett
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
© Regiopress, All rights reserved