laRegione
22.09.21 - 16:04
Aggiornamento: 17:08

Gran Consiglio: sì al nuovo Istituto Vanoni, con polemica

Accolti i 5,1 milioni di franchi a larga maggioranza, ma non senza una breve polemica sul coinvolgimento della Fondazione nella demolizione dell’ex Macello

gran-consiglio-si-al-nuovo-istituto-vanoni-con-polemica
La vecchia sede dell'istituto Vanoni a Lugano, recentemente demolita (Ti-Press)

È un sì a larghissima maggioranza quello scaturito oggi in Gran Consiglio al credito per la costruzione del nuovo Istituto Vanoni a Lugano. Con 58 voti favorevoli, 5 contrari e 9 astenuti, il legislativo ha quindi dato il via libera all’edificazione di un nuovo centro educativo per minorenni, dopo che la sede storica in via Simen è stata recentemente demolita. Sede che, come è stato ricordato a Palazzo delle Orsoline durante un breve botta e risposta, è stata al centro della serie di fatti che hanno portato a fine maggio alla controversa demolizione dell’ex Macello di Lugano.

Contrapposizione destra vs sinistra

«Accolgo il credito, ma con un certo disagio – ha detto a tal proposito Marco Noi (Verdi) –, visto il coinvolgimento della Fondazione Vanoni, che con la sua denuncia ha dato la stura, spero in maniera inconsapevole, alla demolizione». «Che razza di fondazione sociale alza il telefono per fare una denuncia dopo solo dieci minuti di occupazione simbolica?», ha poi rincarato la dose Simona Arigoni Zürcher (Mps). «Se qualcuno entrasse illegalmente in una mia proprietà non aspetterei dieci minuti per denunciare» ha replicato invece Edo Pellegrini (Udf), sostenuto da Stefano Tonini (Lega): «Sono folli le prese di posizione della sinistra a favore di chi delinque, mentre con certi commenti vengono messe in difficoltà le fondazioni che fanno del bene». La discussione infatti ha toccato anche temi più ideologici: «Non condividiamo la politica di demandare ai privati la risposta a un bisogno sociale crescente», sempre per Arigoni Zürcher, mentre per i comunisti «è vero che lo Stato demanda compiti fondamentali che dovrebbero spettargli, ma sono comunque compiti che vanno assolti, quindi ci asteniamo» (Lea Ferrari). Critiche su aspetti di sostenibilità ambientale non sono infine mancate dai deputati Cristina Gardenghi e Nicola Schönenberger (Verdi).

Aumenterà la capacità di accoglienza

«Ringrazio le strutture e le fondazioni come la Vanoni per il grande lavoro che fanno e per tutti i bambini e ragazzi che aiutano in maniera concreta» ha detto da parte sua Giorgio Fonio (Ppd), portando l’esempio della propria storia personale. «Sono molto dispiaciuto per i bambini messi sull’altare delle ideologie» ha detto invece amareggiato il relatore Lorenzo Jelmini (Ppd), sottolineando che «la socialità in Ticino è così: si parte dalla società, che piaccia o no». Jelmini ha inoltre ricordato l’organizzazione del nuovo istituto: «Ci saranno 35 posti in internato, 6 in livello progressivo e 12 in esternato. Un aumento della capacità di accoglienza necessario per rispondere al contesto di grande cambiamento sociale e alle sempre maggiori sfide con le quali si trovano confrontate le famiglie». Un’impostazione, questa legata all’accoglienza in internato e contemporaneamente in esternato con presa a carico diurna e quindi a una maggiore presenza sul territorio invece di una concentrazione, che piace a Danilo Forini (Ps): «Spero si estenda sempre più anche ad altri settori, come quello dei disabili».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’.
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
© Regiopress, All rights reserved