laRegione
ex-macello-di-lugano-governo-non-coinvolto
Governo non coinvolto (ti-Press)
12.07.21 - 15:08
Aggiornamento: 17:10

Ex Macello di Lugano, governo non coinvolto

Il Consiglio di Stato ribadisce che lo sgombero e la demolizione dell'edificio occupato dal centro sociale sono stati decisi solo dalla Città

Non è stato avvisato il Consiglio di Stato dello sgombero e della successiva demolizione di uno degli edifici occupati dagli autogestiti all'ex Macello di Lugano nella notte tra sabato 29 maggio e domenica 30 maggio. Lo conferma lo stesso governo cantonale nella risposta all'interrogazione presentata dalla sinistra (prima firmataria Anna Biscossa). Una risposta evasiva nella quale il Consiglio di Stato ribadisce di non poter entrare nel merito delle domande alla luce dell'inchiesta penale tuttora pendente. D'altra parte, rileva il governo, la decisione d'intervento spettava unicamente all'esecutivo comunale, visto che il sedime è di proprietà della Città. La Polizia cantonale è stata messa a disposizione dal Consiglio di Stato in base alla richiesta di supporto del Municipio di Lugano per l'eventuale sgombero forzato in base alle decisioni del'esecutivo, cosi come per la gestione di eventuali manifestazioni di protesta non autorizzate. Nella risposta, il governo ricorda di aver reso attento il Municipio "sul fatto che un eventuale sgombero tempo prima dei lavori di ristrutturazione dell'ex Macello avrebbe generato un'instabilità a livello di ordine pubblico che sarebbe potuta durare a lungo e che l'ordine pubblico e il controllo del sedime post sgombero doveva essere garantito dal Comune e non dalla Polizia cantonale". Il Consiglio di Stato ha poi ribadito che, oltre a collaborare a identificare soluzioni logistiche utili sulla base della convenzione stipulata un ventennio or sono, il governo "ha indicato in più occasioni la propria disponibilità a cercare un mediatore o una mediatrice, quando saranno date le premesse per un processo di mediazione fruttuoso, premesse che per il momento non sono date".

Leggi anche:

Molino: 'C'è un'inchiesta penale', le polizie non commentano

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio stato ex macello lugano molino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 min
Legge sulla polizia, al via la consultazione per la revisione
Il nuovo disegno ha come obiettivo di permettere alle autorità di svolgere le proprie attività con maggiore efficacia e chiarezza
Luganese
2 ore
Urc 2022, il bilancio della sicurezza è positivo
Lo Stato Maggiore Urc 2022 sottolinea come i disagi per la popolazione siano stati ridotti al minimo e l’adattabilità del dispositivo approntata
Bellinzonese
3 ore
‘Il canone va comunque pagato’: sconfessata Sa di Cadenazzo
Il Taf respinge il ricorso ribadendo le regole del nuovo sistema di prelievo (imposta, non più tassa) in vigore dal 2019 in Svizzera per le imprese
Bellinzonese
9 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
9 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
9 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
15 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
17 ore
5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa
Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Ticino
20 ore
Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro
Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
20 ore
‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’
Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
© Regiopress, All rights reserved