laRegione
12.07.21 - 15:08
Aggiornamento: 17:10

Ex Macello di Lugano, governo non coinvolto

Il Consiglio di Stato ribadisce che lo sgombero e la demolizione dell'edificio occupato dal centro sociale sono stati decisi solo dalla Città

ex-macello-di-lugano-governo-non-coinvolto
Governo non coinvolto (ti-Press)

Non è stato avvisato il Consiglio di Stato dello sgombero e della successiva demolizione di uno degli edifici occupati dagli autogestiti all'ex Macello di Lugano nella notte tra sabato 29 maggio e domenica 30 maggio. Lo conferma lo stesso governo cantonale nella risposta all'interrogazione presentata dalla sinistra (prima firmataria Anna Biscossa). Una risposta evasiva nella quale il Consiglio di Stato ribadisce di non poter entrare nel merito delle domande alla luce dell'inchiesta penale tuttora pendente. D'altra parte, rileva il governo, la decisione d'intervento spettava unicamente all'esecutivo comunale, visto che il sedime è di proprietà della Città. La Polizia cantonale è stata messa a disposizione dal Consiglio di Stato in base alla richiesta di supporto del Municipio di Lugano per l'eventuale sgombero forzato in base alle decisioni del'esecutivo, cosi come per la gestione di eventuali manifestazioni di protesta non autorizzate. Nella risposta, il governo ricorda di aver reso attento il Municipio "sul fatto che un eventuale sgombero tempo prima dei lavori di ristrutturazione dell'ex Macello avrebbe generato un'instabilità a livello di ordine pubblico che sarebbe potuta durare a lungo e che l'ordine pubblico e il controllo del sedime post sgombero doveva essere garantito dal Comune e non dalla Polizia cantonale". Il Consiglio di Stato ha poi ribadito che, oltre a collaborare a identificare soluzioni logistiche utili sulla base della convenzione stipulata un ventennio or sono, il governo "ha indicato in più occasioni la propria disponibilità a cercare un mediatore o una mediatrice, quando saranno date le premesse per un processo di mediazione fruttuoso, premesse che per il momento non sono date".

Leggi anche:

Molino: 'C'è un'inchiesta penale', le polizie non commentano

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
8 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
19 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
19 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
20 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
20 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
20 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
22 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
22 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
1 gior
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
© Regiopress, All rights reserved