laRegione
10.09.21 - 17:52
Aggiornamento: 18:16

Lugano, importava banconote false: 32enne condannato

I soldi contraffatti venivano immessi su conti privati e della società, nel frattempo chiusa. Per l'uomo pena di quindici mesi sospesi per tre anni

lugano-importava-banconote-false-32enne-condannato
L'imputato è stato riconosciuto colpevole anche di riciclaggio per circa 170'000 franchi (Ti-Press)

Sono circa 8'800 i franchi contraffatti che il 32enne condannato oggi alle Assise correzionali di Lugano ha acquistato in Italia, sotto forma di banconote in euro di vario taglio, e riutilizzato in Svizzera per scopi privati e professionali. Un raggiro che gli è costato la condanna a quindici mesi sospesi condizionalmente per tre anni.

Soldi falsi comprati a Napoli

I fatti risalgono al 2019. L'uomo si era recato dapprima nel nord della Francia per acquistare 19'000 euro in banconote contraffatte attraverso un particolare processo di sbiancamento in cambio di 10'000 euro (veri). L'operazione è tuttavia fallita perché il fornitore è scappato lasciando l'imputato con in mano un pacchetto contenente carta straccia. Un paio di mesi dopo il malaffare è invece riuscito, stavolta a Napoli, dove il 32enne ha ottenuto i già citati 7'760 euro, in cambio di 6'000 euro. Soldi ottenuti in piccoli tagli e immessi in conti privati e della società che l'uomo gestiva a Lugano con un socio d'affari, anch'esso condannato a causa dello stesso reato dal medesimo procuratore pubblico: Andrea Gianini. Una volta che il denaro falso veniva versato, e dopo aver atteso del tempo, l'imputato così come i correi prelevava soldi invece veri, utilizzandoli principalmente per pagamenti relativi all'esercizio pubblico che allora gestiva. Per questo – oltre che per importazione, acquisto e deposito di monete false e messa in circolazione di monete false –, l'accusato è stato condannato anche per truffa.

Ex hooligan

Il presidente della Corte Amos Pagnamenta ha inoltre condannato il 32enne per riciclaggio: utilizzando un conto corrente postale a nome del padre, sul quale aveva diritto di firma individuale, ha effettuato diversi bonifici – 170'000 franchi circa – di soldi di provenienza verosimilmente criminale secondo gli inquirenti e provenienti da due dubbie società. Denaro che veniva poi prelevato e consegnato a un quarto uomo che aveva il compito di trasferirlo in Italia attraverso un ufficio cambi di Chiasso. Quarto uomo che tuttavia è stato arrestato nei pressi della Posta di Lugano a giugno del 2019, permettendo così di risalire all'intreccio illecito. L'imputato, difeso dall'avvocato Pierluigi Pasi, è stato infine condannato anche per violazione di domicilio e delitto contro la Legge federale sugli esplosivi: tifoso estremista dell'Hockey Club Lugano, il giovane si è introdotto alla Cornèr Arena al termine di un incontro fra la squadra del cuore e il Lions Zurigo nonostante il divieto (tuttora in vigore) di accedere agli stadi di tutti la Svizzera. Lì ha acceso una torcia di segnalazione e l'ha lanciata in direzione della pista di ghiaccio, atto ripetuto poi la stessa sera anche all'esterno della pista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
50 min
Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’
Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
55 min
Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’
Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
1 ora
Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’
L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
1 ora
Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione
Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
9 ore
50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro
Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
9 ore
Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano
Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Luganese
10 ore
Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori
La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
11 ore
Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona
Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Mendrisiotto
12 ore
‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’
La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Locarnese
13 ore
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
© Regiopress, All rights reserved