laRegione
lugano-fece-perdere-tanti-soldi-a-un-amica-condannato
22.09.21 - 18:17
Aggiornamento: 22:27

Lugano, fece perdere tanti soldi a un’amica: condannato

Dieci mesi di prigione sospesi per due anni a un 78enne ritenuto colpevole di truffa. In fumo 340’000 euro versati a una società nel frattempo fallita

Ha tradito la fiducia di una sua amica e cliente. Per anni la donna è stata ingannata, non era al corrente che i suoi soldi fossero andati persi dopo gli investimenti effettuati in una società attiva nel settore dell’arte. L’uomo, un 78enne italiano operatore finanziario comparso in aula penale oggi a Lugano, è stato per anni il suo consulente e ha sostanzialmente ammesso i fatti. Stiamo parlando di 340’000 franchi, prelevati in contanti, con il consenso di una fiduciaria attiva in città a Lugano, in quattro occasioni. Per aver ingannato la stessa vittima, l’uomo aveva già subito un processo in Italia e per questa ragione era stato licenziato dall’istituto bancario nel quale lavorava. Inevitabile, la condanna nei suoi confronti a dieci mesi di reclusione sospesi con la condizionale per due anni e al risarcimento della ex cliente, pronunciata dalla presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano Francesca Verda Chiocchetti, che ha considerato l’uomo non credibile. Il 78enne è stato riconosciuto colpevole di truffa e falsità in documenti ripetute, ma è stato prosciolto dalle accuse di riciclaggio di denaro aggravato e appropriazione indebita ripetuta.

Il procuratore pubblico Andrea Gianini, nella requisitoria, in tarda mattinata, aveva ritenuto medio-grave la colpa dell’imputato e, nei suoi confronti, aveva chiesto una pena di 15 mesi, sospesi con la condizionale per due anni. Il pp è convinto che l’uomo abbia agito in maniera sleale, per fini di lucro personale e, nella richiesta formulata, ha tenuto conto anche delle attenuanti legate all’età dell’uomo e al lungo tempo trascorso dai fatti (risalenti a oltre 11 anni fa). L’avvocato Luca Marcellini, legale dell’accusatrice privata ha chiesto la conferma dell’atto d’accusa e il riconoscimento della richiesta di risarcimento di 247’000 euro (spese legali comprese). Nel suo intervento, ha manifestato l’amarezza della vittima, alla quale sono stati restituiti soltanto una piccola parte del denaro e non per volontà dell’uomo. L’avvocato Fabio Nicoli, legale dell’imputato, ha invece chiesto una pena più mite invocando il fatto che la società attiva a Lugano avrebbe potuto effettuare una telefonata per verificare l’investimento effettuato e, fra l’altro, l’attenuante legata all’anzianità del suo assistito.

Durante il dibattimento, l’uomo ha sostanzialmente riconosciuto le malversazioni affermando che all’epoca riteneva di aver fatto una cosa buona per la cliente, facendo in realtà un grosso errore: «Pensavo che cambiare forma d’investimento nel settore dell’arte fosse un modo per far guadagnare denaro alla mia cliente. Tanto è vero che anche io ho perso i miei soldi, circa 50’000 euro, investendo in quella società (poi fallita). Non avevo una grande competenza nel settore, ma il mio mestiere era proprio quello di capire i mercati». L’uomo ha poi confermato di non aver informato la cliente, perché riteneva fossero sufficienti gli estratti conto della banca. Si è forse fatto influenzare dal fatto che quella società aveva acquistato dei dipinti di sua moglie (non di grande valore). La giudice ha tuttavia messo in evidenza le sue contraddizioni nella giustificazione del suo agire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
78enne amica condanna lugano truffa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
26 min
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
36 min
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
55 min
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dell’aggregazione e i 600 della battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
2 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
2 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio emanate oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
2 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri cantoni
Bellinzonese
3 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10:15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved