laRegione
10.05.21 - 18:12
Aggiornamento: 26.03.22 - 14:53

Scuola Steiner: 50 positivi su 200. ‘Non escludiamo variante’

Il medico cantonale ha ordinato il sequenziamento dei test positivi rilevati a Origlio. Merlani: ‘Non sappiamo ancora cos’ha innescato questo focolaio’

scuola-steiner-50-positivi-su-200-non-escludiamo-variante
Ti-Press

I test effettuati alla scuola Steiner di Origlio hanno rilevato 50 persone positive al coronavirus su 200, con un’incidenza, dunque, del 25 per cento. Settimana scorsa l’Ufficio del medico cantonale aveva decretato la quarantena per l’intera sede e dato l’occasione a tutti di testarsi venerdì. Abbiamo chiesto alcune delucidazioni al medico cantonale Giorgio Merlani.

Dottor Merlani, come è stata possibile l’esplosione di casi così ampia?

«Non sappiamo ancora cos’ha innescato questo focolaio. Le ipotesi su cui stiamo lavorando sono due. La prima è che si tratti di una variante, motivo per il quale abbiamo mandato in laboratorio dei test per effettuare il sequenziamento del virus. L’altra ipotesi è legata alla particolarità della situazione. Gli allievi si trovano tutti nello stesso istituto, dalla scuola elementare fino al liceo. Quindi ci sono diverse età, alcune con l’obbligo della mascherina, altre no. Inoltre sono persone che si incontrano anche all’esterno e venendo da varie parti del cantone immagino che i genitori si organizzino per portare a turno i figli a scuola in macchina. Questo fa sicuramente bene al virus e non alla difesa».

Quale altra variante potrebbe essere in gioco?

«Tutte le varianti immaginabili possibili, non è esclusa neanche una nuova. Anche se non mi aspetto proprio che ci sia una variante di Origlio. Però nulla è dato per assodato. Testiamo anche per escludere questa ipotesi».

Riguardo alle regole d’igiene cosa ci può dire? Non è l’unica scuola i cui allievi giungono da varie parti del cantone e si incontrano all’esterno.

Questa rischia di diventare una valutazione politica. Io osservo l’evoluzione del virus, mi sono fatto mandare il piano di protezione dalla scuola, che è conforme e adeguato. Ovviamente non sono fisicamente all’interno dell’istituto con gli occhi e le orecchie. C’è da dire che ogni tanto anche dalle scuole pubbliche ci giungono voci di insegnanti che non indossano sempre la mascherina. Insomma, secondo le mie informazioni la situazione non è così dissimile dal resto e non bisogna per forza pensare che un modello pedagogico ed educativo alternativo sia infarcito di persone che la vedono in modo alternativo anche sul coronavirus.

È successo tutto in pochi giorni.

«I contagi sono avvenuti molto in fretta e parallelamente, per questo motivo abbiamo deciso di fare un secondo test mercoledì a coloro che sono risultati negativi venerdì scorso. Stiamo inoltre spiegando alle famiglie che non hanno dato il consenso ai test, l’importanza di far sottoporre i ragazzi all’esame. Con una prevalenza così alta è sicuro che alcuni di quelli che non si sono fatti testare risultino positivi. Abbiamo pure chiesto alle famiglie di fare molta attenzione alle regole d’igiene e distanziamento, anche a quelle non in quarantena, per evitare che il focolaio si propaghi all’esterno».

Si parla di test salivari per questa scuola. Qual è la differenza col tampone Pcr?

«Il test salivare è un test Pcr, la differenza è che viene fatto su un campione di saliva invece che prelevato da un tampone. Il test salivare permette di unire vari campioni in uno solo, per poi verificare se è positivo l’insieme. In questo caso però, temendo che l’incidenza fosse alta, non abbiamo fatto appunto un ‘pooling’, ma abbiamo testato ogni singolo campione di saliva separatamente e abbiamo fatto bene perché la prevalenza era molto alta».

Leggi anche:

Quarantena di istituto alla scuola Steiner di Origlio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
5 min
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
10 min
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
2 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
2 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
11 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
11 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
12 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
12 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
© Regiopress, All rights reserved