laRegione
22.03.21 - 16:30
Aggiornamento: 07.04.21 - 10:30

Dal Plr appello al Municipio sullo sgombero dell'ex macello

Due candidati al Consiglio comunale chiedono all'Esecutivo di Lugano di rivedere la decisione e di rinviare le opzioni a dopo le elezioni

di Guido Grilli
dal-plr-appello-al-municipio-sullo-sgombero-dell-ex-macello
TI-PRESS
Ripensamenti

"Il Municipio di Lugano riveda la sua decisione inerente lo sgombero dei "molinari" dall'ex Macello e permetta al nuovo Esecutivo che entrerà in carica dopo le elezioni del 18 aprile di valutare quali opzioni attuare nei confronti dell'esperienza dell'autogestione al Macello". È questo il contenuto del primo di quattro punti di un appello all'Esecutivo cittadino firmato da due candidati al Consiglio comunale per il Plr, Carola Barchi e Augusto Bernasconi.

'La Città indichi se considera altri edifici per l'autogestione' 

Ecco gli altri tre punti: "2. Il Municipio spieghi la conformità del termine di 20 giorni per sfrattare i Molinari dall’ex Macello con le leggi svizzere e ticinesi; 3. Il Municipio prima di attuare qualsiasi sgombero del Macello dica se ritiene di disdire o meno la convenzione firmata da esso stesso con Cantone e Alba e come ha intenzione di gestire le possibili manifestazioni di solidarietà verso l'esperienza dell'autogestione in questa fase di misure anti-covid;  4. Il Municipio dica quali edifici e sedimi è propenso a mettere a disposizione di esperienze dell'autogestione oppure se vuole una Lugano "off limits" per forme di autogestione in Città".

I due promotori dell'appello spiegano di essere "mossi da esigenze di democraticità, di rispetto dello Stato di diritto, di libertà di espressione e di rispetto della procedura di rinnovo dei Poteri comunali, innanzitutto come cittadini" e che hanno "sentito il bisogno di sollevare delle criticità sull’operato del Municipio in questa vicenda, in particolar modo per le tempistiche adottate dall'Esecutivo cittadino". Le quattro precise richieste vengono "sottoporre alle cittadine e ai cittadini di Lugano, candidati e non, che potranno aderire all'appello qualora lo vorranno". Aggiungono i due esponenti del Plr: "Come cittadini, prima che come candidati, riteniamo che la parte conclusiva di questa anomala campagna elettorale (anomala, per le disposizioni anti-covid in vigore, che costringono candidati e partiti a fare una campagna elettorale quasi esclusivamente virtuale) non possa a Lugano essere "viziata" dalla "Spada di Damocle" di un possibile sgombero degli autogestiti dall'ex Macello, visto che non dovrebbero sussistere elementi di tale portata che giustifichino un'improvvisa accelerazione per un immediato e drastico intervento, proprio adesso, nei confronti degli autogestiti". "Ricordiamo che i "molinari" nascono ben 25 anni fa, quando durante i mondiali di ciclismo a Lugano viene occupato l'ex Molino Bernasconi a Viganello (proprio da quel luogo nasce l'appellativo "molinari"). Dopo poco tempo l'edificio dell'ex Molino Bernasconi subisce un incendio doloso (la Procura non è mai stata in grado di determinare per mano di chi) e i “molinari" si trasferiscono sul piano della Stampa. Dopo qualche anno viene sgomberato e abbattuto l'edificio che ospitava gli autogestiti sul piano della Stampa e Lugano vive un breve periodo di manifestazioni degli autogestiti in centro Città, fino a quando, il Municipio di Lugano decide di concedere ai "molinari" l'uso dell'ex Macello, mettendo fine ai continui sit-in degli autogestiti".

I promotori dell'appello, evidenziano: "La convenzione è entrata in vigore nel 2003 e sono passati ben 18 anni. Se qualcuno riteneva che dovesse essere "disdetta" o modificata ha avuto ben 18 anni di tempo per occuparsene e non si capisce perché, in questa conclusione di campagna elettorale per le elezioni comunali 2021, debba diventare "un'emergenza" lo sgombero dei "molinari", se non per pure ragioni elettorali e per buttare fumo negli occhi all'opinione pubblica, che in questi giorni è intenta a farsi un'idea sulle proposte politiche dei partiti e delle candidate e dei candidati per il futuro di Lugano. Con tutto rispetto per l'esperienza dell'autogestione dei "molinari", il futuro di Lugano non passa da lì e nemmeno dallo sgombero dell'ex Macello! Il futuro di Lugano passa da quali proposte e strategie politiche i partiti e le candidate e candidati vogliono avanzare per determinare come si vuole pianificare lo sviluppo territoriale, e non solo, di Lugano, di come si vogliono valorizzare i quartieri di Lugano, di come si vuole combattere l'emissione di CO2 e di polveri fini e di come attuare una svolta verso l'ecosostenibilità che ci permetta di avvicinarci agli obiettivi dell'accordo di Parigi sul Clima. Il futuro di Lugano passa da una discussione: si vogliono fare o meno appartamenti a pigione moderata per il ceto medio-basso, la qualità urbana è un valore o meno, quali idee e progetti si vogliono mettere in campo per il rilancio economico ed occupazionale di Lugano?".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

      

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
36 min
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 ora
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 ora
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
3 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
3 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
4 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
4 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
9 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
10 ore
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fanno felici i vicini: Maggia e Gordola chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
13 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
© Regiopress, All rights reserved