laRegione
21.04.21 - 18:30
Aggiornamento: 19:19

Sgombero Ex Macello: il Governo invita Lugano a rinviare

Il Consiglio di Stato consiglierebbe di aspettare che per l'autogestione vi sia un'alternativa, per evitare un'occupazione degli stessi spazi

sgombero-ex-macello-il-governo-invita-lugano-a-rinviare
L'ex Macello di Lugano, sede del Centro sociale autogestito Il Molino (Ti-Press)

La lettera che potrebbe frenare lo sgombero. Stando a Tio, il Consiglio di Stato avrebbe inviato al Municipio di Lugano una lettera nella quale – secondo il portale – “si chiederebbe di tollerare ancora per qualche tempo la presenza dei molinari negli spazi finora autogestiti”, ossia l'ex Macello. Un suggerimento, dovuto al fatto che al momento non vi è infatti un'alternativa per l'autogestione e vi sarebbe pertanto la preoccupazione che dopo lo sgombero gli autonomi possano nuovamente rioccupare gli stessi spazi. Il governo chiederebbe pertanto di aspettare che la riqualifica dell'area possa partire, e che gli autonomi abbiano un'alternativa, prima di procedere con lo sgombero.

Borradori: ‘Ne discuteremo il 29 aprile’

Il Municipio di Lugano circa un mese fa ha dato la disdetta della convenzione siglata nel 2002 fra autogestiti, Città e Cantone e l'ultimatum per lo sgombero scade il 26 aprile, ma dopo quella data ci sono ancora i tempi giuridici affinché lo stesso cresca in giudicato. E a proposito della lettera, il portale ha interpellato il sindaco (tuttora di quindicina) di Lugano, Marco Borradori: «Ho sentito parlare di questa lettera. Tratteremo la tematica settimana prossima, nella seduta del 29 aprile – ha detto a Tio –. Non saremmo comunque intervenuti prima della prima seduta del nuovo Municipio. Per pochi giorni non cambia moltissimo. Adesso faremo le dovute valutazioni».

Leggi anche:

Lugano agli autogestiti: 20 giorni per sgomberare

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
9 min
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
4 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
9 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
19 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
20 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
20 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
21 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
21 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
23 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
23 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
© Regiopress, All rights reserved