laRegione
13.09.22 - 11:28
Aggiornamento: 15.09.22 - 16:10

Ambasciatrice a Losone per gli 80 anni della Strada dei polacchi

Un grande successo la celebrazione svoltasi domenica all’ex Caserma, alla presenza di molti discendenti degli internati durante la Seconda guerra mondiale

a cura di Red.Locarno
ambasciatrice-a-losone-per-gli-80-anni-della-strada-dei-polacchi
Incontro fra autorità domenica all’ex Caserma

Era dalla fine del secondo conflitto mondiale che Losone non ospitava così tante persone di origine polacca. Domenica 11 settembre nell’ex piazza d’armi il Comune ha accolto centinaia di membri della comunità polacca in Svizzera per commemorare l’ottantesimo anniversario dell’inaugurazione della Strada dei polacchi. La via collinare che collega la frazione losonese di Arcegno con Golino è forse l’opera più nota tra quelle realizzate dai soldati polacchi in Ticino. Erano stati accolti a Losone all’inizio degli anni Quaranta del secolo scorso dopo aver trovato rifugio in Svizzera per sfuggire all’avanzata dell’esercito nazista in Francia.

È stato per un’occasione più lieta che i loro discendenti sono stati invitati negli stessi luoghi dove i loro padri e i loro nonni hanno vissuto durante il periodo della guerra. Il campo di accoglienza, il più grande del cantone, era stato, infatti, allestito proprio sui terreni dove oggi sorge l’ex Caserma di Losone.

La commemorazione è stata aperta dalla tradizionale messa da campo che viene svolta ogni anno nel parco dell’ex piazza d’armi per la Festa della Madonna d’Arbigo, il cui vicino oratorio è stato il punto di riferimento per gli internati polacchi. Sul palco predisposto per l’occasione è, quindi, salito il sindaco di Losone, Ivan Catarin, che ha inaugurato la cerimonia ufficiale. «La Strada dei polacchi non ha solo messo in collegamento la nostra frazione di Arcegno con le Centovalli – ha ricordato Catarin –, ma soprattutto ha unito con una profonda amicizia due comunità: il Comune di Losone e la Polonia».

‘Costruttori di ponti tra i nostri Paesi’

Un’amicizia che è stata sottolineata anche dall’ambasciatrice di Polonia in Svizzera, Iwona Kozlowska, che ha preso la parola dopo il saluto delle autorità cantonali espresso dal consigliere di Stato Manuele Bertoli. «Possiamo considerare l’internamento come una testimonianza vivente e un fondamento dei contatti amichevoli tra i polacchi e gli svizzeri – ha raccontato l’ambasciatrice –. Gli internati e i loro discendenti sono stati e sono tuttora costruttori di ponti tra i nostri Paesi e le nostre comunità».

Il vicesindaco di Losone Fausto Fornera, storico di formazione, ha presentato poi un generale approfondimento sulla presenza polacca in Svizzera e soprattutto a Losone, dove il contributo degli internati non fu limitato all’omonima strada: «Bonificarono grandi superfici, circa 100 ettari, in Arbigo, ai Saleggi, allo Zandone e alle Gerre, fornendo le indispensabili premesse per lo sfruttamento agricolo intensivo e successivamente anche artigianale e turistico di quelle terre», ha detto. Ulteriori dettagli storici sono stati, quindi, aggiunti per i rispettivi enti dai presidenti del Patriziato e della Parrocchia di Losone, Carlo Ambrosini e Silvano Beretta.

Il momento ufficiale si è concluso con il discorso di Stefan Paradowski, presidente dell’Associazione dei discendenti degli internati polacchi. «La maggior parte dei polacchi che all’epoca erano internati in Svizzera ora ci hanno lasciato – ha ricordato –, ma sono morti sapendo di essere scampati alla terribile guerra e di essere stati accolti generosamente in Svizzera».

Gli ospiti polacchi e la popolazione locale hanno preso, infine, posto ai tavoli sistemati all’ombra degli alberi del parco militare per condividere il pranzo insieme. Nel pomeriggio i convenuti hanno avuto occasione di visitare la Strada dei polacchi, dove l’ambasciatrice ha deposto una corona di fiori di fronte allo stemma con l’aquila polacca inciso e dipinto nella roccia dagli internati. «Il mio augurio e quello di tutto il Municipio – ha concluso Ivan Catarin – è che commemorazioni come questa vengano proposte anche nei prossimi decenni, affinché il legame e l’amicizia fra il nostro Comune e la Polonia possano rinnovarsi con le generazioni».

Per dare spessore scientifico a questo esercizio di celebrazione e di memoria, il Municipio ha commissionato uno specifico lavoro di ricerca storica a un giovane esperto, lo storico Zeno Ramelli, grazie al quale opportunamente contestualizzare e correttamente interpretare la presenza dei soldati internati – per la maggior parte polacchi – a Losone durante la Seconda guerra mondiale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
5 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
7 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
8 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
9 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
10 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
10 ore
Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’
Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Mendrisiotto
11 ore
Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito
Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
12 ore
Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese
La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
14 ore
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
© Regiopress, All rights reserved