laRegione
24.01.22 - 10:59
Aggiornamento: 16:21

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

Le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi

l-ambasciatrice-di-polonia-in-visita-a-losone
L’ambasciatrice con le autorità losonesi

Losone è stata l’ultima tappa del giro di visite nella Svizzera italiana dell’ambasciatrice polacca a Berna, Iwona Kozłowska. Quello fra il comune locarnese e la Polonia è un legame di lunga data. Durante la Seconda guerra mondiale migliaia di soldati polacchi trovarono ospitalità in Svizzera. Circa 450 furono accolti a Losone, dove fu organizzato un campo rifugiati negli attuali terreni comunali, dove adesso sorge l’ex caserma. Il ricordo della loro presenza non rimane, però, solo nella memoria della popolazione locale e nei libri di storia. A Losone i soldati hanno segnato in maniera indelebile il territorio. Si deve, infatti, a loro la bonifica della pianura alluvionale di Arbigo e delle Gerre e soprattutto la costruzione della Strada dei polacchi. È proprio quest’ultima opera al centro della visita dell’ambasciatrice. Quest’anno ricorre, infatti, l’ottantesimo anniversario della strada che ha permesso di collegare la frazione losonese di Arcegno con le Centovalli.

Ad accogliere la rappresentante polacca è stata una delegazione composta dal sindaco Ivan Catarin, dal vicesindaco Fausto Fornera, dal municipale Alfredo Soldati, dal presidente del Consiglio comunale Romolo Pawlowski e da suo padre Stanislao, discendenti di uno di quegli stessi soldati che a Losone trovarono rifugio.

Infatti, la più viva testimonianza di quel legame che ancora unisce la Polonia con Losone sono i tanti losonesi che ancora possono esibire un cognome di origine polacca. Al termine della guerra non tutti i soldati sono tornati nella loro patria, ma alcuni sono rimasti perché qui avevano trovato nuovi affetti e si erano creati una famiglia.

Durante l’incontro l’ambasciatrice e le autorità comunali hanno potuto discutere delle celebrazioni per la ricorrenza della Strada dei polacchi che dovrebbero svolgersi a Losone tra l’estate e l’autunno di quest’anno. La visita si è conclusa nel cimitero locale, dove l’ambasciatrice ha reso un toccante ossequio ai quattro soldati polacchi che erano venuti a mancare durante la Seconda guerra mondiale e che ancora riposano a Losone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
9 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
9 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
10 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
11 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
11 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
12 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
12 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
16 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved