laRegione
04.08.22 - 08:35
Aggiornamento: 15:13

Gestione del lupo, Sommaruga invitata a guardare la realtà

L’architetto valmaggese Germano Mattei scrive alla consigliera federale per ottenere misure drastiche di contenimento del predatore

gestione-del-lupo-sommaruga-invitata-a-guardare-la-realta
archivio Keystone

"La situazione sul fronte della gestione del lupo, in Ticino, è completamente fuori controllo. Servono interventi drastici o saranno poi gli stessi allevatori a prendere le dovute contromisure. Le azioni preventive consigliate non sono applicabili. Serve un decreto federale urgente che consenta di risolvere, una volta per tutte, il problema’. La richiesta, indirizzata direttamente alla consigliera federale Simonetta Sommaruga, è contenuta in un’e-mail inviata il 2 agosto, con copia ai collaboratori dell’Ufficio federale dell’ambiente, al presidente della Confederazione Ignazio Cassis, da Germano Mattei, copresidente Associazione Svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori.

Un numero di avvistamenti e predazioni senza precedenti

"Mai come in questa stagione vi sono stati tanti avvistamenti e predazioni da lupi in Svizzera – annota l’architetto valmaggese –, Lei Signora Consigliera federale, davanti al Consiglio nazionale, a marzo, ha dichiarato che in Svizzera è accertato un aumento annuo del 30% e che a quel giorno almeno 150 lupi erano presenti sul territorio nazionale. Sicuramente oggi sono molti di più considerate le cucciolate intervenute. Cinque Cantoni – Grigioni, Uri, Vallese, Vaud e Glarona – hanno decretato in questi ultimi giorni degli abbattimenti. Alcuni di questi prelievi sono già avvenuti. Il Ticino, nonostante decine e decine di predazioni, nessun abbattimento è stato decretato, situazione che fa imbestialire allevatori, alpigiani e le popolazioni delle regioni di montagna".

‘Misure di protezione inapplicabili, non è più tempo di tergiversare’

In questo contesto, la sola vicinanza al settore agricolo e dell’allevamento da parte delle istituzioni non basta più: "La situazione in Ticino e sulle Alpi svizzere è attualmente completamente fuori controllo, drammatica oso affermare. Lei, il Consiglio federale e suoi funzionari state tirando in giro coloro che lavorano e gestiscono, con grande fatica, il territorio, coloro che allevano animali da reddito, ovini e caprini in particolare. La situazione, a un terzo del periodo d’alpeggio, è insopportabile, avvilente, psicologicamente oppressiva. Occorrono misure immediate, celeri modifiche di regolamentazioni obsolete e di misure di protezione inapplicabili. Bisogna decidere immediatamente sull’abbattimento, è necessario senza mezzi termini un decreto federale urgente sulla regolazione dei lupi e delle mute. Nel territorio numerose persone, oneste e lavoratrici, sono pronte a prendere misure di autodifesa nel caso che la politica non intervenga. Non è più tempo di tergiversare, bisogna agire subito ancora in questi giorni. Demandare misure al 2023 o al 2024 sarà troppo tardi".

Lo sconfinamento dei lupi

"Vi è pure un problema transfrontaliero di migrazione di lupi che richiede l’intervento del Dipartimento degli esteri che ci legge in copia. Oltre 900 lupi sono alle frontiere dell’arco alpino dalla Slovenia alla Francia e il Ticino, i Grigioni e il Vallese, per esempio, ne stanno facendo pesantemente le spese". L’Associazione mantello svizzera che si batte per un maggior controllo dei predatori è preoccupata per il futuro del settore rurale e della pastorizia e per questo invita Sommaruga a "visitare le nostre regioni e valli di montagna. Vedere di persona situazioni indicibili e parlare con gli allevatori toccati dalle predazioni, anche in situazioni di perfetta protezione. Noi siamo pronti ad accompagnarla, attendiamo un suo cenno".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
Bellinzonese
2 ore
Thriller poliziesco ambientato al Carnevale di Bellinzona
Nella Turrita sono in corso le riprese di ‘Alter Ego’, una serie Tv diretta da Erik Bernasconi e Robert Ralston, che andrà in onda sulla Rsi a fine anno
Luganese
4 ore
Condannato per aver truffato tre anziane del Luganese
Pena parzialmente sospesa per un 27enne reo confesso. Tra i nove tentativi di ‘falso nipote’ messi in atto nel settembre 2022, sei sono stati sventati
Locarnese
6 ore
Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema
Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Luganese
7 ore
Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente
La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
8 ore
Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza
Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
8 ore
Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore
L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
8 ore
A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese
Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
11 ore
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
11 ore
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
© Regiopress, All rights reserved