laRegione
06.05.22 - 14:57
Aggiornamento: 16:28

Tutela del lupo o abbattimenti facili, polemica fra associazioni

Per il Gruppo Lupo Svizzera il tasso di predazioni è basso. L’Associazione protezione territorio dai grandi predatori chiede abbattimenti più facili

tutela-del-lupo-o-abbattimenti-facili-polemica-fra-associazioni
Keystone

Lo scorso anno in Svizzera sono stati uccisi meno di sei animali da reddito per ogni lupo. Lo rende noto oggi l’organizzazione di tutela Gruppo Lupo Svizzera, rilevando che si tratta di un dato particolarmente basso e che la protezione delle greggi funziona bene. Di parere opposto l’Associazione svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori, che chiede al Governo meno burocrazia per intervenire.

In una nota odierna, il Gruppo traccia un parallelo tra i 146 lupi che nel 2021 hanno sbranato 853 capi di bestiame e i soli 6 che al volgere del millennio ne avevano sbranati 200. Tutto ciò nonostante il numero di animali da reddito sia rimasto stabile.

L’organizzazione attribuisce il risultato alla protezione estesa delle mandrie e ricorda che in Svizzera sono stati impiegati 250 cani da guardia e decine di chilometri di recinzioni anti-lupo.

Afferma inoltre di non essere contraria a una regolazione pragmatica di questi predatori se in precedenza sono state prese misure di protezione delle mandrie e se le popolazioni regionali non sono a rischio. Nutre però alcuni dubbi sull’efficacia dell’abbattimento quale misura per tutelare le greggi.

In Ticino uccisi già 50 capi di bestiame nel 2022

Non la vede allo stesso modo l’Associazione svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori: oggi ha riferito che quest’anno i lupi hanno già ucciso oltre 50 animali da reddito in Ticino e ben più di 30 in Vallese.

In una lettera aperta inviata alla consigliera federale Simonetta Sommaruga, l’organizzazione afferma che se la situazione dovesse continuare a peggiorare è probabile "che diversi allevatori di bestiame al pascolo prendano in mano loro stessi le redini per proteggere i loro animali, spingendosi anche nell’illegalità".

Chiede quindi di incoraggiare gli uffici cantonali e federali a rilasciare rapidamente e senza eccessiva burocrazia i permessi di abbattimento per i lupi che causano danni, secondo il diritto vigente. Auspica inoltre che il Governo regoli immediatamente e in modo mirato i branchi di lupi nelle vicinanze delle zone abitate, affinché la sicurezza della popolazione e dell’agricoltura rimangano garantite.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera
Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
11 ore
Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi
La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Ecuador
13 ore
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
14 ore
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
14 ore
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
14 ore
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
16 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
1 gior
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
© Regiopress, All rights reserved