laRegione
11.07.22 - 14:07
Aggiornamento: 18:23

‘Tre pugni e poco più’, pestaggio in Rotonda, processo al via

I due imputati ammettono solo alcune delle percosse, ma negano l’intenzione di aver voluto uccidere il 18enne

tre-pugni-e-poco-piu-pestaggio-in-rotonda-processo-al-via
archivio Ti-Press
Serate a botte e alcol

Serate di ordinarie botte, annaffiate d’alcol, a Locarno. Storie di vita all’insegna del pugno facile quelle dei due fratelli che da stamane sono alla sbarra, di fronte alle Assise criminali di Locarno (in Lugano), presiedute dal giudice Siro Quadri, per rispondere – fra le varie accuse – anche di tentato omicidio intenzionale (in subordine: lesioni gravi, tentate).
Lo scorso 4 dicembre, alla Rotonda, hanno picchiato un 18enne, mandandolo all’ospedale. La vittima aveva raccontato agli inquirenti di cazzotti e calci alla testa, mentre era a terra. Ma i due fratelli (di 20 e 19 anni, originari dell’Iraq) in aula hanno ridimensionato le proprie responsabilità.
Nel corso della fase istruttoria, il più giovane dei due ha ammesso di aver strattonato la vittima. Ma poi ha raccontato di essersi allontanato. L’altro ha detto di aver sferrato tre pugni al 18enne: il primo cazzotto quando era in piedi. Gli altri due quando era a terra.
Ma niente calci. Entrambi gli imputati hanno negato di aver avuto intenzione di uccidere. Quando è arrivata la polizia, non si sono fatti avanti ed erano poi stati arrestati una quindicina di giorni dopo i fatti.
Uno degli aspetti affrontati dal giudice è quello dei social. Il 19enne ha spiegato che era sua abitudine postare video di situazioni ad alta tensione. «Ma non quelli con le botte, perché il gestore del sito non lo consente. Vieni "bannato" se si vedono contatti fisici. Sono invece concessi alcuni commenti». Come quella frase che lui stesso ha postato: "La prossima volta bisogna andarci giù più duro". «Era scherzoso – si è giustificato –. Non era un invito a farlo davvero. Una frase ironica in risposta ad altri commenti».
Lo stesso imputato ha poi spiegato di aver avuto un’altra lite la stessa sera, accompagnata da botte, e una la settimana prima, sempre a Locarno.
Insomma, ammessi una strattonata e tre pugni, così come il consumo di alcol. Niente più. Tanto che il giudice, a un certo punto, ha affermato: «Da come la raccontate voi, sembra che siate finiti in carcere per sbaglio».
I due hanno anche raccontato della situazione familiare difficile, con le botte ricevute dal padre quando erano ancora bambini, l’affidamento a diversi istituti e le cure psichiatriche e psicoterapeutiche.
Il processo proseguirà nel pomeriggio. La parola alla procuratrice pubblica Valentina Tuoni, all’avvocato di parte civile Gianluigi Della Santa e ai difensori Roberto Rulli e Andrea Ronchetti.

Leggi anche:

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
1 ora
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
8 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
9 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
10 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
11 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
11 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
12 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
12 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
16 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved