laRegione
24.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 18:38

Solduno, cadavere in decomposizione e con tagli sul viso

Sospetto omicidio in via Muro della Rossa. La vittima, il cui decesso risalirebbe a diversi giorni prima, è un cittadino svizzero di circa 20-30 anni

solduno-cadavere-in-decomposizione-e-con-tagli-sul-viso

Solduno, poco dopo le 15 di giovedì. Un tranquillo pomeriggio di un apparentemente altrettanto tranquillo quartiere della frazione di Locarno viene scosso da un macabro ritrovamento. Dopo aver risposto a una chiamata di soccorso giunta alla Centrale d’allarme, gli agenti della Polizia comunale e i soccorritori del Salva giunti nell’appartamento al quarto piano di una palazzina in via Muro della Rossa 7 vi trovano, al suo interno, un cadavere. Secondo nostre informazioni, la vittima sarebbe un cittadino svizzero tra i 20 e i 30 anni della zona, che al momento del ritrovamento era come detto già privo di vita e che presentava un’evidente ferita da taglio sul volto (tanto da renderlo quasi irriconoscibile), molto probabilmente la causa del decesso. Una tipologia di lesione che, in particolare per la zona del corpo in cui sarebbe stata inferta, molto difficilmente ci si procura da soli, sia di proposito, sia involontariamente. Al momento dell’arrivo della Polizia e dei soccorritori, la vittima era sola nell’appartamento in cui, sempre da nostre informazioni, viveva sola. I vicini hanno raccontato di non aver udito grida o rumori sospetti, ma che da giorni si sentiva uno strano odore soprattutto nelle scale. Secondo le nostre fonti la morte risalirebbe a diversi giorni prima e il corpo era già in stato di decomposizione.

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale hanno comunicato che gli accertamenti eseguiti nelle ore successive al ritrovamento non hanno permesso di risalire all’identità della vittima (le sue generalità potrebbero essere comunicate nella giornata odierna), così come di non poter escludere il coinvolgimento di terze persone. L’inchiesta è coordinata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri.

‘Era un ragazzo silenzioso che non ha mai dato problemi’

«Sono tornata a casa e c’era già la polizia – ci racconta una residente dello stabile teatro dei fatti –. Ho bene in mente di chi si tratta, era un ragazzo molto educato e tranquillo, anche silenzioso e non ha mai dato problemi. Come in generale nel palazzo e nel quartiere non è mai successo niente di particolare, è una zona tranquilla questa».

Una tipica zona residenziale tranquilla

Gli abitanti del quartiere che si affacciano alle finestre o che scendono in strada attirati dal viavai di agenti e giornalisti sono tutti dello stesso parere: la zona è molto tranquilla, d’interventi della Polizia per schiamazzi o qualche alterco tra vicini non ve ne sono mai stati negli ultimi tempi. «Sono quasi trent’anni che abito qui – osserva un abitante di via Muro della Rossa –. Ci conosciamo quasi tutti e i rapporti, le posso assicurare, sono di buon vicinato. Una tipica zona residenziale tranquilla». Almeno fino a ieri.

I precedenti: la ragazza colpita all’addome e il morto carbonizzato

Il precedente fatto di sangue, a Solduno, risale al 21 ottobre dello scorso anno. In una palazzina di via Vallemaggia 51, uno svizzero domiciliato nel Canton San Gallo, accecato dalla gelosia, si presentò con un fucile davanti all’abitazione dell’ex ragazza, intenzionato a ucciderla. Dopo aver tenuto in ostaggio l’attuale compagno della 22enne, sparò alla giovane che era riuscita a liberarsi e a precipitarsi verso l’uscita, colpendola gravemente all’addome.

Un secondo fatto di cronaca che a Solduno aveva fatto parecchio scalpore risale invece a un decennio fa. Più precisamente alla fine di maggio del 2013. All’alba del 31 maggio, in zona via Bastoria, era stato rinvenuto il cadavere di un uomo che stava bruciando sull’argine del fiume Maggia. L’indagine, coordinata dal procuratore pubblico Nicola Respini, aveva portato alla conclusione che la vittima, vestita di scuro e che trasportava un trolley, non era stata uccisa ma si era tolta la vita perché oberata dai debiti. Una morte atroce, visto che il poveretto si era dato fuoco cospargendosi il corpo di benzina. L’uomo, un italiano sulla quarantina, dipendente di un istituto di credito della piazza locarnese, era stato identificato grazie alle fotografie diramate dalla Polizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
25 min
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
30 min
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
2 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
2 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
11 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
12 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
12 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
12 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
14 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
14 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
© Regiopress, All rights reserved