laRegione
10.06.22 - 19:32
Aggiornamento: 21:03

Branco di lupi, ‘allevatori abbandonati a loro stessi’

Annullato l’abbattimento in Val Rovana. La reazione di Armando Donati, presidente dell’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori

branco-di-lupi-allevatori-abbandonati-a-loro-stessi
Ti-Press
Armando Donati

La lista dei capi predati dai lupi in Val Rovana è lunga. Una mezza carneficina: anzi, intera. Nel giro di due mesi o poco più gli allevatori hanno raccolto le carcasse di 63 pecore. Uno di loro lo scorso marzo aveva 76 capi: oggi non gliene restano neanche due dozzine (13 all’alpe e una decina in paese, che hanno partorito tardi). Si dispera e con lui i suoi colleghi. Non sanno più dove sbattere la testa.

E la notizia dell’annullamento dell’ordine di abbattimento del lupo, poiché i risultati del Dna hanno stabilito che si tratta di un branco "transfrontaliero", giunto dall’Onsernone, sta generando sconcerto e sconforto. Come riferito dal Consiglio di Stato, in caso di un branco la competenza passa alla Confederazione. Va pure detto che questa sarebbe la prima volta che le analisi permettono di accertare in Ticino una predazione di branco. Un primato di cui la Val Rovana avrebbe volentieri fatto a meno.

‘Situazione completamente fuori controllo’

«Non so più cosa pensare – è la reazione a caldo di Armando Donati, presidente dell’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori –. Cosa deve fare un allevatore quassù? Se spara al lupo lo mettiamo in prigione? Le greggi sono decimate. Nei giorni scorsi, quando i guardacaccia hanno abbandonato la postazione per l’abbattimento del lupo in Val Rovana, abbiamo chiesto all’Ufficio della caccia e della pesca se potevamo mandare in quota altri cacciatori fidati. Ma hanno risposto picche. Oggi ho provato più volte a contattare il capoufficio a Bellinzona, ma non ha preso la chiamata. Gli allevatori sono abbandonati a loro stessi».

Donati sta dalla parte di chi, con passione e fatica, porta avanti la tradizione dell’allevamento delle pecore, salendo all’alpe e quindi preservando pascoli in un territorio di montagna. «La situazione, con la presenza del branco, appare completamente fuori controllo». I timori? «I guardacaccia sono saliti in quota con l’elicottero per tre sere la settimana passata e per altre tre nei giorni scorsi. E i lupi sono stati alla larga. Adesso gli inviati da Bellinzona se ne sono andati e la palla passa nel campo della Confederazione. Quanto ci metteranno i lupi ad accorgersi che le pecore non sono più protette di notte? Sono animali svegli. E non credo che una decisione da Berna giunga in tempi brevi».

Troppo facile prevedere altre stragi se il branco di predatori è rimasto in zona. Come reagire e quali soluzioni adottare? «Gli allevatori non possono fare nulla. Potranno solo decidere se mantenere le bestie, attualmente un centinaio, in quota o se gettare la spugna, scaricare gli alpeggi e trovare un posto sicuro per i loro ovini». Insomma, rinunciare alla pastorizia di montagna sembra ormai l’unica alternativa. A meno che Berna non reagisca in tempi brevi, trovando soluzioni efficaci.

Leggi anche:

Lupo in Val Rovana, annullata la decisione di abbattimento

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
10 min
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: “Mi piange il cuore”
Ticino
2 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
5 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
5 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
5 ore
Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate
Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
12 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
12 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
15 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
16 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
19 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
© Regiopress, All rights reserved