laRegione
10.06.22 - 17:52
Aggiornamento: 19:33

Lupo in Val Rovana, annullata la decisione di abbattimento

A predare le 19 pecore il 26 aprile scorso non era stato un singolo esemplare, ma un branco. Il Consiglio di Stato: premessa errata, strategia da rivedere

lupo-in-val-rovana-annullata-la-decisione-di-abbattimento
Ti-Press
Lo scorso 26 aprile a Bellinzona

Il lupo della Val Rovana è ancora uccel di bosco. Il Consiglio di Stato segnala – tramite una nota ai media – che dal momento in cui è stato deciso il suo abbattimento, il personale dell’Ufficio della caccia e della pesca ad oggi non è ancora riuscito a stanarlo. E ciò nonostante "la messa in atto delle necessarie azioni" e "l’enorme impegno profuso sull’intero periodo".

Ma c’è di più. L’ordine di abbattimento è stato annullato.

Mercoledì 8 giugno il Kora, il centro nazionale di riferimento per i grandi predatori, ha trasmesso i risultati finali delle analisi del Dna raccolto dopo la predazione del 26 aprile a Piedipiodi-Cerentino. "Gli stessi – prosegue il CdS –attribuiscono la predazione delle 19 pecore ai lupi F93 (femmina) e M149 (maschio). Questi individui sono la coppia del branco transfrontaliero dell’Onsernone che si credeva, prima di questo risultato e sulla base delle informazioni che erano a disposizione, residente in un comprensorio più a sud rispetto alla Val Rovana".

Perciò "alla luce di questi nuovi elementi e preso atto che la predazione del 26 aprile scorso non è attribuibile a lupi singoli bensì a un branco, in applicazione del diritto federale la decisione di abbattimento pronunciata in data 18 maggio, fondata su una premessa rivelatasi errata, deve essere annullata. Le autorità cantonali sono in costante contatto con l’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) per ricevere indicazioni su come procedere".

Le operazioni di ricerca finalizzate all’abbattimento di un lupo in Val Rovana da parte dei guardacaccia sono di conseguenza sospese in attesa delle decisioni dell’Ufam. In parallelo il personale dell’Ufficio della caccia e della pesca manterrà attivo il monitoraggio in Val Rovana, al fine di verificare se questo branco si sia riprodotto anche nel 2022.

Leggi anche:

Cerentino, il lupo fa strage di un gregge

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
4 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
4 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
6 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
6 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
6 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
9 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
11 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
11 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved