laRegione
18.05.22 - 13:56
Aggiornamento: 18:50

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.

a cura de laRegione
lupo-a-cerentino-autorizzato-l-abbattimento

Il Consiglio di Stato ha autorizzato l’abbattimento del lupo che lo scorso 26 aprile ha ucciso 19 pecore in zona Piedipiodi vicino a Cerentino, in Val Rovana.

‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’

«Finalmente! Questa decisione era inevitabile. Altrimenti il consigliere di Stato Claudio Zali si sarebbe trovato le pecore predate in ufficio. Gli allevatori di tutto il Ticino sono esasperati – commenta, a caldo, Germano Mattei, co-presidente dell’Associazione svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori –. Ora dovremo sentire quali saranno le modalità di cattura. Ricordo che nell’alta Vallemaggia gli esemplari che si muovono indisturbati alla luce del sole sono almeno tre. Non credo che le predazioni siano tutte opera di un solo esemplare. Finché non ci sono le prove del Dna, quindi, non sarà facile capire quale lupo va eliminato. A ogni buon conto l’autorizzazione all’abbattimento giunge a mio avviso tardiva. Doveva arrivare già due settimane or sono. Non dimentichiamoci che in questi ultimi giorni, altre quattro capre di due allevamenti risultano mancanti. I pastori le stanno cercando, invano. È quindi ipotizzabile siano state pure loro aggredite e sbranate».

Lupo: una specie protetta

I grandi predatori, tra i quali il lupo, sono protetti e non rientrano dunque nel novero degli animali cacciabili, ricorda il Dipartimento del territorio (Dt). Il diritto federale ammette comunque la possibilità d’abbattimento per singoli esemplari che causano danni rilevanti ad animali da reddito. L’ordinanza sulla caccia subordina l’ordine d’abbattimento al superamento di un determinato numero di capi predati (in questo caso 10).

Non era possibile proteggere le pecore

Per essere considerato come capo predato, l’animale dev’essere stato protetto dal lupo se possibile con misure come recinti elettrificati e cani da protezione. Nel caso di Cerentino queste protezioni "non sono tecnicamente realizzabili per le difficoltà del territorio (pendii scoscesi, continui terrazzamenti, estrema parcellizzazione e dispersione delle superfici, come pure l’esiguità delle parcelle), né economicamente sostenibili", spiega il Dt. Le 19 pecore vittime della predazione del 26 aprile sono quindi da considerare non proteggibili e possono dunque essere imputate al contingente per l’abbattimento.

Alla luce di ciò, il Consiglio di Stato è entrato nel merito autorizzando l’abbattimento di un lupo all’interno del perimetro della Val Rovana. La decisione, contro la quale può essere fatto ricorso, è immediatamente esecutiva e pubblicata sul Foglio ufficiale. L’autorizzazione ha validità 60 giorni dalla pubblicazione della decisione e l’esecuzione è assegnata ai guardacaccia dell’Ufficio della caccia e della pesca.

"Rimane la considerazione – scrive il Dt – che il quadro normativo attuale a livello federale non risolve in modo soddisfacente il conflitto tra le esigenze di tutela del lupo in quanto specie protetta e le peculiarità dell’attività d’allevamento di montagna, in Ticino, in cui si rivela problematico mettere in atto le misure di protezione richieste a livello federale.

‘Si è perso il controllo della situazione, come avvenuto con i cinghiali’

«Questa decisione governativa giunge tardiva. Siamo andati troppo per le lunghe. Si sarebbe dovuto seguire l’esempio del Canton Vallese, dove in men che non si dica il Governo, dinnanzi alle importanti predazioni di ovini, ha autorizzato i guardacaccia a sparare al lupo». E un misto di soddisfazione e rabbia il giudizio di Marco Frigomosca, allevatore di bestiame valmaggese al quale i lupi (tre quelli balzati nel suo recinto) hanno ucciso 19 pecore, al quale abbiamo chiesto un giudizio sulla luce verde concessa dal Cantone all’eliminazione del lupo problematico in Rovana. «Il lupo è ancora qui. Proprio stamane uno di essi è uscito da una baracca in un cantiere nelle vicinanze del paese. Ma vi rendete conto? Credo sia difficile capire quanti esemplari siano presenti nei boschi ticinesi. Ho il timore che gli uffici preposti abbiano perso il controllo della situazione e che si stia ripetendo quanto accaduto, qualche decennio fa, con i cinghiali. Oltrettutto questi esemplari sono diventati stazionari. La prova è che mancano ancora quattro capre all’appello e che se contiamo gli attacchi al bestiame dei mesi precedenti, ci accorgiamo che la soglia limite per l’intervento armato è stata ampiamente superata».

Dal Wwf: se l’iter legale è stato rispettato, non avremo nulla da ridire’

«Non conosciamo i dettagli del dossier sul lupo allestito dall’Ufficio caccia e pesca, motivo per cui non possiamo esprimerci al riguardo. Ogni decisione adottata in questo senso a livello nazionale viene comunque preavvisata da giuristi; se l’iter legale viene rispettato, non abbiamo nulla da dire. Fermo restando che non è sparando al lupo che si risolve il problema. Da tempo andiamo ripetendo che è la politica agricola che nel nostro paese deve cambiare» - osserva, anche a nome di Pro Natura, Silvia Gandolla, biologa faunista del WWF, membro del Gruppo di lavoro grandi predatori.

Abbattere sì, ma quale dei due?

Non sarà evidente, per i guardacaccia incaricati di puntare la mira sul lupo problematico, evitare di sparare a quello sbagliato. Gli esemplari accertati, ci spiega Sandro Destefani, direttore Divisione dell’ambiente e Coordinatore Dipartimento del territorio, sono infatti due. E nessuno dei due predatori si sposta con una targhetta che lo renda riconoscibile a prima vista. «Per prima cosa posso dirle che abbiamo sentito il parere dei nostri omologhi vallesano e grigionese, che in materia di abbattimenti hanno una maggiore esperienza. L’operazione presenta non poche difficoltà, dal momento che si tratta di animali selvatici diffidenti e scaltri. Dalle analisi del Dna giunteci proprio in queste ore risulta chiaro che l’uccisione delle pecore sia opera di lupi. Ma solo verso fine mese l’identificazione dell’esemplare problematico potrà essere più precisa. Proprio per ridurre il margine d’errore, il perimetro all’interno del quale sparare è stato ristretto all’area delle predazioni. C’è da sperare che l’eliminazione di uno dei due scoraggi l’altro dal restare nel comparto».

Leggi anche:

Cerentino, il lupo fa strage di un gregge

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
4 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
4 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
6 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
6 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
7 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
8 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
9 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
9 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
10 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
14 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved