laRegione
13.01.22 - 17:50
Aggiornamento: 18:16

Palacinema, c’è un Cda molto tecnico e poco politico

Nel gremio rinnovato cinque ‘new entry’ legate a cinema e cultura: Tiziana Zaninelli, Thomas Geiser, Francesco Lurati, Michele Mainardi e Theo Mäusli

palacinema-c-e-un-cda-molto-tecnico-e-poco-politico
Ti-Press
La casa del Pardo (fra l’altro)

La presidente fondatrice nonché promotrice della struttura, Carla Speziali; due politici – il sindaco Alain Scherrer e la capodicastero Cultura Nancy Lunghi –; più 5 membri tecnici. Dopo reiterati rinvii (se ne parla addirittura dall’aprile 2016, poi s’era deciso di attendere la chiusura dei conti di costruzione), la Palacinema Sa ha un Consiglio di amministrazione nuovo di zecca e soprattutto a maggioranza non politica. I nuovi entrati vantano profili significativi e sembrano avere tutte le carte per consentire alla struttura di ulteriormente profilarsi come polo dell’audiovisivo di respiro nazionale e internazionale, anche sotto l’egida di “Media City”, la piattaforma di coordinamento promossa da Città di Locarno, Locarno Film Festival, Swisscom, Usi e appunto Palacinema, che vuole favorire l’evoluzione di Locarno quale città (e regione) in cui “si svilupperanno nuove attività nel campo dell’industria creativa legata alla comunicazione e all’arte cinematografica e dell’audiovisivo”, per dirla con le parole con cui nel novembre del 2019 era stato presentato il progetto.

I cinque nuovi volti tecnici del Cda sono Tiziana Zaninelli (fra l’altro membro della Fondazione Cultura nel Locarnese e delle Fondazioni Arp e Remo Rossi, attuale direttrice della Sezione insegnamento medio del Decs), Thomas Geiser (membro di diversi Cda, fra cui quello di Filmcoopi Zürich-Ag, presidente del Festival del cinema di Soletta), Francesco Lurati (professore di Comunicazione e Marketing all’Usi nonché consulente di lungo corso del Locarno Film Festival), Michele Mainardi (già membro di Direzione della Supsi) e Theo Mäusli (docente di storia dei media e degli archivi digitali all’Usi e alla Fernuni Schweiz, coordinatore degli archivi audiovisivi Ssr e membro dell’Executive Board della Federazione internazionale degli archivi televisivi). Come Mäusli, anche Geiser e Mainardi arrivano nel Cda direttamente dalla Commissione culturale Palacinema, di cui già facevano parte.

La direzione resta naturalmente affidata a Roberto Pomari, in carica dal novembre del 2018 dopo aver essere stato responsabile di produzione e tecnica e poi direttore aggiunto alla Rsi e aver collaborato, sempre all’ente radiotelevisivo, all’implementazione della riforma delle strutture Ssr.

La prima seduta del nuovo Consiglio d’amministrazione è prevista per giovedì 20 gennaio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
30 min
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
47 min
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
2 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
3 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
6 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
6 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
6 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
7 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
© Regiopress, All rights reserved