laRegione
al-palacinema-e-necessario-un-cambiamento-di-rotta
Ti-Press
Una struttura che guarda al futuro
Locarnese
27.10.21 - 06:000
Aggiornamento : 16:02

‘Al Palacinema è necessario un cambiamento di rotta’

Il direttore Roberto Pomari pensa all’evoluzione della struttura e auspica investimenti. Uno è per la ridefinizione degli spazi al terzo piano

Un Palacinema al di là del mero intrattenimento e «sempre più luogo di creazione, di studio, di ricerca e di innovazione». È una formula che Roberto Pomari, il direttore, ripete da tempo. Ma che oggi assume più concretezza grazie a una visione a lungo termine tradotta in un progetto embrionale ma beneaugurante: la rivisitazione degli spazi interni, sfruttando la terrazza al terzo piano e ricavandone, su due livelli, oltre 600 metri quadrati di superfici utili per insediarvi nuove attività da far entrare nella rete, sempre più complessa e affascinante, del polo dell’audiovisivo.

‘Cercatori di Luce’, le arti si incontrano

L’occasione per parlarne nasce dall’inaugurazione della videoinstallazione “i Cercatori di Luce”, di Giuliana Cunéaz, cui l’artista, proprio al Palacinema, lavorava già nel 2019 con l’aiuto, per le riprese, degli studenti del Conservatorio internazionale di scienze audiovisive (Cisa). Si tratta di un’opera “immersiva” che si inserisce, per dirla con Pomari, «in una dimensione espressiva che integra in modo innovativo tecnologie e forme artistiche», dove personaggi di diversa estrazione interagiscono con un visionario universo virtuale, in un clamoroso intreccio tra varie arti. Due anni fa era solo abbozzato, oggi è realtà (ma anche sogno insieme). “I Cercatori di Luce” è stato definito da Domenico Lucchini, direttore del Cisa, «percorso ecologico, ricerca dell’illuminismo». In questo contesto il Palacinema diventa anche luogo di creazione artistica, «piattaforma di orchestrazione di talenti e creatività che vive grazie alla collaborazione virtuosa con i suoi “abitanti”; in questo caso gli allievi e i docenti del Cisa – aggiunge Pomari – che danno un indispensabile contributo tecnico e artistico». La mostra, promossa dalla Palacinema Sa, curata da Valentino Catricalà, realizzata anche con l’ausilio tecnico di Emme Sa per gli impianti digitali, è anche in un bel catalogo pubblicato da Armando Dadò Editore. Potrà essere visitata da giovedì 28 ottobre al 14 novembre.

“Cercatore di Luce” è a suo modo anche Pomari, che “semplice” direttore non poteva essere poiché troppo forte era (ed è) il richiamo di una continua evoluzione della struttura. Evoluzione soprattutto nel senso di capacità di sviluppo delle diverse attività che vi si svolgono a livello formativo, divulgativo, e ovviamente cinematografico e culturale grazie al Festival (che si sta tra l’altro dotando, proprio al Palacinema, di uno strumento essenziale come un archivio propriamente detto).

«Una correzione di rotta è indispensabile – sottolinea Roberto Pomari –. E le prospettive su cui riflettere sono diverse». Una è l’entrata in funzione, a breve, di un nuovo Consiglio d’amministrazione fatto da gente del mestiere, legata all’audiovisivo, quindi capace di inquadrare la missione cui il polo dell’audiovisivo è deputato. Un elemento è la “promozione” della sala multiuso a luogo di ricerca e di lavoro; in questo senso a gennaio e febbraio i generosi spazi verranno adibiti a studio cinematografico per la realizzazione dei lavori di diploma degli studenti del Cisa. Passando da altre situazioni come il rilancio della Ticino Film Commission e dal cambio di paradigma secondo cui «le diverse realtà presenti da inquilini diventano partner», Pomari sottolinea un dato di fatto: «Bisogna investire». Un modo di farlo è strutturale: il progetto di ridefinizione degli spazi di cui si parlava. Un altro è credere nella possibilità di Locarno come «città educante con Usi, Supsi e Cisa», secondo la visione di Lucchini, e, ancor più su larga scala, «distretto culturale con una messa in rete delle risorse, al di là di una competitività che non ha senso».

Di contorno (o nel cuore, a seconda dei punti di vista) rimane ovviamente il commerciale, che il gestore Enjoy Arena fa vivere muovendosi sui fronti gastronomico e cinematografico. In quest’ultimo settore, torna a ribadire Pomari, «l’offerta va rivisitata» perché la realtà cambia velocemente.

Ti-Press
Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
14 sec
Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti
La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Locarnese
46 min
Il ragazzo pestato è tornato a casa
La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
58 min
La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere
L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
2 ore
Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva
Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
7 ore
Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo
Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
7 ore
Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo
A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
7 ore
Gole profonde... per legge
Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
7 ore
Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360
Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
12 ore
Locarno, ancora un caso pestaggio in centro
Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
14 ore
Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’
Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile