laRegione
10.02.22 - 10:11
Aggiornamento: 17:01

Il ‘Locarno Film Festival Professor’ trova casa al PalaCinema

La presenza dell’USI si fa più marcata con la cattedra congiunta e nuove sinergie all’interno della struttura dedicata alla settima arte

il-locarno-film-festival-professor-trova-casa-al-palacinema

Si rafforza la presenza dell’USI a Locarno: l’Università della Svizzera italiana e il PalaCinema annunciano infatti che la nuova cattedra congiunta USI-Locarno Film Festival potrà avvalersi di alcuni uffici e spazi presso il PalaCinema, oltre a quelli che avrà presso il Campus di Lugano. Quella che è anche conosciuta come la “Casa del Cinema e dell’Audiovisivo” ospiterà quindi il professor Kevin B. Lee e il suo gruppo di ricerca, che potranno promuovere nuove sinergie con le istituzioni attive al suo interno e nella città sul Lago Maggiore.

Il rettore dell’USI Boas Erez, a tal proposito, annota: «Kevin B. Lee avrà a disposizione gli spazi necessari all’attività della Cattedra sia presso il campus dell’USI a Lugano, sia presso il PalaCinema a Locarno. La competenza, il dinamismo e l’impegno del professore saranno così messi a frutto sia per le attività d’insegnamento, sia per il Locarno Film Festival, come anche per tutto il territorio ticinese».

La presidente del Consiglio di amministrazione della PalaCinema Locarno SA, Carla Speziali, da parte sua rileva come «con la presenza della Cattedra congiunta Usi-Locarno Film Festival si concretizza uno degli obiettivi storici che il Comune di Locarno, attraverso la PalaCinema Locarno SA, aveva prefigurato con la realizzazione di questo centro di cultura audiovisiva a Sud delle Alpi. Il fine, allora come oggi, è d’integrare ricerca e diffusione, formazione e attività, progetti esistenti e nuove iniziative, in una logica sistemica di valenza nazionale e internazionale. Questa evoluzione si inserisce perfettamente in una visione di sviluppo della nostra struttura, nella quale l’ambito formativo e di ricerca si innesta nella tradizione culturale d’eccellenza incarnata sin dalla metà del secolo scorso dal Locarno Film Festival».

‘Progettualità e dinamismo’

Il direttore del PalaCinema Roberto Pomari, conferma come «questo accordo è perfettamente in linea con il nostro ruolo di piattaforma privilegiata per l’incontro e lo sviluppo di collaborazioni tra gli operatori del settore cinematografico, della produzione audiovisiva e della ricerca. Siamo molto lieti di mettere a disposizione della Cattedra i nostri spazi, perché siamo certi che non tarderemo a constatare il ritorno in termini di progettualità e dinamismo, che ci permetterà di profilarci a livello internazionale come luogo di creazione, di studio, di ricerca e d’innovazione nel settore dell’audiovisivo».

«La presenza di Kevin B. Lee al PalaCinema, una Cattedra congiunta USI Locarno Film Festival realizzata grazie al sostegno di Swisscom, contribuisce a dare forza al territorio ticinese nei dibattiti nazionali e internazionali intorno al futuro del cinema e dell’audiovisivo. Un traguardo che permette al Locarno Film Festival di realizzare il suo obiettivo di andare oltre i soli giorni estivi del Festival ed essere presente fisicamente e online durante tutto l’anno» – aggiunge e conclude il presidente del Locarno Film Festival, Marco Solari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
19 min
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
3 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
4 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
6 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
10 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
10 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
13 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
© Regiopress, All rights reserved