laRegione
pestaggio-a-locarno-sporta-la-denuncia
Il 18enne è stato preso a calci in testa (archivio Ti-Press)
09.12.21 - 15:14
Aggiornamento: 19:41

Pestaggio a Locarno, sporta la denuncia

Per la famiglia è stato un tentato omicidio. Per la Polizia cantonale l’ipotesi di reato è aggressione

Scatta la denuncia nei confronti del branco d’ignoti che, nella notte del 4 dicembre, ha pestato selvaggiamente un 18enne, mandandolo all’ospedale. La famiglia del ragazzo aveva annunciato che si sarebbe rivolta alle forze dell’ordine. Questa mattina i genitori si sono recati alla sede della Polizia cantonale di Locarno, raccontando l’accaduto e aggiungendo che per loro si è trattato di un vero e proprio tentato omicidio. Il figlio è stato aggredito gratuitamente, gettato a terra e preso a calci. Pedate che lo hanno colpito anche alla testa.

Per aiutare gli agenti nel difficile compito di risalire ai responsabili dell’aggressione (che al momento dei fatti erano incappucciati), i famigliari hanno raccolto dai social filmati, nomi di eventuali sospetti e messaggi. Materiale che, oltre a confermare l’accaduto, disegna uno spicchio di realtà che fa rabbrividire, dove la violenza è vista e vissuta quasi come un qualsiasi passatempo. Gli stessi genitori incontreranno prossimamente anche un ispettore della Polizia giudiziaria. Gli inquirenti, dal canto loro, confermano, con un comunicato stampa, l’apertura di un inchiesta penale: “Le ipotesi di reato emerse finora sono quelle di aggressione, subordinatamente lesioni semplici, subordinatamente vie di fatto. Le indagini dovranno in particolare stabilire l’esatta dinamica dei fatti e procedere con l’identificazione degli autori”.

Non sarà semplice, apparentemente, risalire all’identità degli autori del pestaggio. Resta il fatto che, se acciuffati, saranno chiamati a rispondere delle loro azioni. Va pure detto che, stando ad alcune testimonianze, il branco si era riunito in Rotonda, avanzando chiari propositi bellicosi e indossando i cappucci per nascondere il volto: una premeditazione poi sfociata nel pestaggio.

Per sommi capi, ricordiamo i fatti, così come li hanno raccontati i genitori alla stampa e agli inquirenti. Lo studente, un 18enne della regione, sta trascorrendo un normale sabato sera in centro città, fra Piazza Castello e la rotonda, nel fine settimana noti ritrovi per centinaia e centinaia di ragazzi. A un certo punto, si intromette nella discussione animata fra un suo amico, ancora minorenne, e un altro ragazzo, che pare abbia dato schiaffi e pugni al giovane. L’intento è quello di pacificare, ma un pugno sotto al mento inaspettato e violento lo fa cadere a terra. La decina di ragazzi incappucciati inizia a tirargli calci alla testa. Il papà racconterà che gli è stato riferito che «questi picchiatori si incitavano l’un l’altro a suon di “ammazzalo!”». Alle 23 circa, il 18enne è in stazione a Muralto, chiama il padre e gli chiede aiuto dicendo solo che è stato «picchiato di brutto». Il genitore lo raggiunge e lo accompagna in ospedale: il giovane ha il volto gonfio e tumefatto. Anche il suo amico minorenne la stessa notte andrà in Pronto soccorso. I genitori raccontano ancora che il figlio ha saputo riferire di cosa gli è successo solo fino a un certo punto, poi il vuoto. Sono stati alcuni amici a rimettere insieme i pezzi del pestaggio.

Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno pestaggio tentato omicidio violenza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
1 ora
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
Ticino
1 ora
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
9 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Grigioni
11 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
11 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
12 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
12 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
12 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
12 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
© Regiopress, All rights reserved