laRegione
onsernone-costruire-comunita-riattando-case
laR
 
15.11.21 - 22:00

Onsernone, costruire comunità riattando case

Il Municipio ha pronti due messaggi che, se approvati, stimoleranno la ristrutturazione e il recupero del patrimonio abitativo. Utile alle famiglie

Valle Onsernone, nuovi nuclei familiari (meglio se con bambini) cercansi. Da tempo confrontata con il preoccupante fenomeno dello spopolamento (e con il progressivo invecchiamento della popolazione, discorso che tocca l’intero Canton Ticino), la vallata locarnese, con le sue circa 830 anime, sta cercando in ogni modo di avviare una fase di ripopolamento in modo da assicurare linfa vitale per il futuro del territorio. Le autorità municipali da anni stanno investendo per attirare giovani coppie e convincerle a stabilirsi lassù, così da donare un nuovo orizzonte ai villaggi in crisi. Lo hanno fatto ad esempio favorendo il coworking per coloro che sono alla ricerca di un posto diverso dove continuare il proprio lavoro, sempre più connesso e smart, o in cui iniziare magari una nuova attività.

Sussidio comunale a favore dei proprietari d’immobili pronti a investire

L’idea è quella di sfruttare il patrimonio abitativo sfitto o inutilizzato per metterlo a disposizione di potenziali interessati. A tale scopo all’ordine del giorno della seduta di Consiglio comunale del 3 dicembre, il Municipio sottopone due messaggi che vanno in questa direzione. Il primo prevede lo stanziamento di un credito di 200mila franchi da destinare quale sostegno a favore dei proprietari che intendono riattare o costruire abitazioni a uso primario (con tanto di regolamento d’applicazione). Il secondo è la concessione (anche questa in base a uno specifico regolamento) d’incentivi a favore di nuove famiglie o nuclei familiari domiciliati o residenti, con figli in età prescolastica o che frequentano le scuole primarie dell’istituto vallerano.
L’obiettivo ultimo, come detto, è quello di dare nuova linfa vitale a una splendida vallata dove crescere una famiglia significa sì dover affrontare qualche inconveniente tipico delle zone discoste, ma al tempo stesso garantirsi uno stile di vita cadenzato da ritmi tranquilli, paesaggi naturali splendidi, in un territorio che è a “vocazione” family. Con analoghe proposte i paesi potranno crescere accogliendo le giovani famiglie; si favorirà una ripresa della natalità, sostenendo le reti sociali che rendono vitali le piccole realtà delle valli.

L’esempio della Lavizzara, con gli aiuti mirati che hanno dato i primi risultati

«Per l’allestimento di questi messaggi – osserva il sindaco, Stephan Chiesa – abbiamo preso spunto da quanto fatto altrove, in Lavizzara ad esempio, dove gli sforzi dell’Amministrazione e le varie agevolazioni hanno già portato all’insediamento di una decina di nuclei familiari. Da parte nostra, vorremmo riuscire a convincere i proprietari di case disabitate o da riattare a metterle sul mercato o ad affittarle a giovani coppie. Oggi purtroppo ciò non avviene e spesso le abitazioni vengono messe a disposizione più che altro dei vacanzieri (quando non vengono lasciate diventare fatiscenti e inutilizzabili, ndr). Questi sussidi, se il legislativo accetterà la nostra idea, saranno quindi una sorta di stimolo. Sfruttare il capitale immobiliare esistente rivalorizzandolo consentirà alle famiglie di diventare risorsa per lo sviluppo della comunità, permettendo di mantenere strutture vitali come la scuola, oggi minacciata di chiusura dalla mancanza di bambini e garantendo i servizi di base alla cittadinanza come i trasporti pubblici. A tal riguardo posso già sin d’ora assicurare l’impegno dell’Amministrazione per garantire anche l’anno prossimo questa istituzione in valle. Se vogliamo far rinascere la valle e assicurarle un futuro non possiamo prescindere da sede delle Elementari e asilo. Dopo due anni di pandemia, la gente ha riscoperto il piacere di vivere a contatto con la natura. È un valore sul quale investire per il nostro futuro e per quello delle nostre montagne. Chissà che approfittando dell’offerta di spazi abitativi qualcuno non maturi l’idea d’insediarsi nel nostro comprensorio. Per il Comune si tratta di uno sforzo finanziariamente rilevante, ma non sarà un salto nel buio. Siamo convinti che ci sarà un ritorno».

Leggi anche:

Coworking, culla di iniziative

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
famiglie onsernone patrimonio abitativo sussidi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
23 ore
Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud
Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior
Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti
Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
2 gior
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 gior
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
© Regiopress, All rights reserved