laRegione
19.06.21 - 17:58
Aggiornamento: 20.06.21 - 14:43

Onsernone, la scuola dell'infanzia 'traballa'

Mancano i bambini e c'è il rischio che i pochi alunni debbano lasciare la valle per recarsi in un istituto del piano. Trattative col Decs in corso

onsernone-la-scuola-dell-infanzia-traballa

Il problema di questi ultimi anni è sempre attuale: mancano i bambini iscritti. E così anche l'attività della scuola dell'infanzia della Valle Onsernone pare essere giunta al capolinea. Dopo la scuola delle elementari, che a furor di popolo le autorità locali sono riuscite almeno per ora a salvare, ora si presenta un analogo scenario con i "grembiulini" dell'asilo. Una materna alla quale, naturalmente, le autorità vallerane (e le famiglie) tengono molto benché siano iscritti solo 6 alunni. Le trattative tra Municipio e Decs sono in corso per vedere di trovare una soluzione transitoria che non sia un loro trasferimento altrove (Intragna o Terre di Pedemonte). Le autorità vallerane, per ora, non si sbilanciano e confidano in un'intesa. 
Un caso analogo, lo ricordiamo, si è presentato lo autunno anche a Ronco s/Ascona, dove un numero insufficiente di bimbi (stavolta delle elementari) non ha permesso di organizzare una sezione. Come prevede la legge sulla scuola, questo ha sancito la chiusura della sede in paese e il trasferimento dei pochi allievi rimasti nel vicino istituto di Brissago. Sembra, infine, che anche in valle Lavizzara lo scenario ricalchi quello onsernonese. Vita dura per le piccole comunità di valle in generale, dove comunque qualche giovane coppia con figli, negli ultimi tempi, ha deciso d'insediarsi. Il che fa ben sperare per il futuro. A condizione che non sia troppo tardi...

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
2 ore
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
5 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
5 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
8 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
8 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
8 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
15 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved