laRegione
laR
 
03.08.22 - 05:30
Aggiornamento: 09:20

Golena di Bellinzona rumorosa, ‘rivedere la base legale’

Il consigliere nazionale Bruno Storni sollecita Berna sui criteri in vigore per finanziare le pareti foniche: ‘Risalgono al lontano 2006’

golena-di-bellinzona-rumorosa-rivedere-la-base-legale
Ti-Press
Bruno Storni

Durante l’ultimo decennio il tema è ciclicamente tornato alla ribalta della cronaca politica cittadina. Ma questa volta supera il livello istituzionale locale, varca le Alpi e va a planare sul tavolo del Consiglio federale. Parliamo dell’impatto fonico di cui soffre la golena di Bellinzona. Nell’edizione di sabato 30 luglio abbiamo riportato le opinioni critiche raccolte durante una nostra visita sul posto: tutte le persone incontrate e interpellate hanno posto il rumore proveniente dalla vicina autostrada al primo posto delle pecche di un luogo preposto allo svago e al relax ma dove in realtà il fastidioso sottofondo la fa da padrone. Un problema, ricordiamo, che il Municipio aveva preso a cuore già nel 2011 inoltrando un’opposizione contro il progetto di protezione fonica autostradale elaborato dall’Ufficio federale delle strade (Ustra) per il tratto compreso fra gli svincoli di Camorino e Castione poiché non prevedeva (come non lo prevede tutt’oggi) la costruzione di ripari antirumore in corrispondenza delle zone golenali situate al di fuori degli abitati di Sementina, Monte Carasso, Carasso e della Torretta. Il ricorso di dieci anni fa non venne accolto avendo l’Ufficio federale dei trasporti ritenuto il progetto conforme all’Ordinanza federale contro l’inquinamento fonico e non essendo riuscito nemmeno l’Ufficio federale dell’ambiente – che a voce sosteneva la posizione municipale – a portare un metodo di calcolo che giustificasse la sostenibilità finanziaria dell’auspicato completamento. Ufficio che in definitiva, per iscritto, finì per dichiarare che il progetto – entrato proprio in questi mesi nella fase realizzativa – risponde a criteri basati essenzialmente sulla presenza di contenuti residenziali. Da qui, al termine dell’iter ricorsuale, la crescita in giudicato avvenuta nel 2017.

‘Situazione emblematica’

«Il problema sta dunque nel manico e la soluzione va perciò ricercata a monte modificando la base legale federale», dichiara alla ‘Regione’ il consigliere nazionale socialista Bruno Storni, che in qualità di membro della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni si è ripetutamente attivato con l’obiettivo di mitigare l’impatto autostradale sul territorio elvetico. «Dal vostro articolo emerge chiaramente, dando voce per una volta ai molti utenti, che la situazione in golena è chiaramente inaccettabile. Per conto mio l’impossibilità di posare pareti foniche non sta in piedi, perciò ritengo che Legge e Regolamenti vadano modificati». Risale difatti allo scorso maggio la sua interrogazione denominata ‘Stato risanamento inquinamento fonico autostradale nelle zone di svago con un grado di sensibilità al rumore 1’. Così facendo «miro a capire la situazione in generale e in quale forma presentare una mozione che mirerà a correggere la base legale». La tempistica indica una risposta di Berna entro settembre. «L’argomento sollevato dal vostro giornale è importante – aggiunge Bruno Storni – e a mio avviso anche le zone di svago, soprattutto in ambito urbano, vanno protette dalle immissioni di rumore in particolare autostradale. Emblematico è proprio il caso della bellissima area golenale della Città di Bellinzona, oltretutto oggetto di notevoli investimenti per rinaturare l’alveo e le sponde del fiume Ticino. Stiamo parlando di svago a chilometro zero e non esiste che venga compromesso da un tale baccano». Quanto alla base legale, il consigliere nazionale evidenzia che Ustra «purtroppo si basa su un indice di fattibilità delle protezioni foniche con criteri del 2006, i quali prevedono benefici monetizzabili che si possono calcolare su edifici ma non su aree di svago. Probabilmente in Svizzera ci sono altre situazioni, analoghe a quella di Bellinzona, che andrebbero risanate. Chiedo al governo d’indicare dove sono».

Il nodo della sostenibilità economica

Da qui le sue domande pendenti davanti al Consiglio federale. L’Ordinanza contro l’inquinamento fonico – premette Storni nel testo – determina in Gradi di sensibilità (Gds) i valori limite d’esposizione al rumore e di conseguenza le esigenze di protezione fonica: "Il Gds 1 è attribuito alle zone con il più elevato bisogno di protezione dal rumore, ossia in particolare le aree destinate allo svago e al riposo come i parchi e gli spazi verdi". Tuttavia la fattibilità dell’implementazione di misure fisiche di protezione contro il rumore, ad esempio le pareti foniche, "viene calcolata secondo criteri economici abbastanza severi analizzati in due fasi: dapprima la fase A che include la sostenibilità economica e la proporzionalità (Sep); poi la fase B che include l’Indice di sostenibilità economica (Ise). Ebbene, sovente l’Ise risultante non permette la realizzazione di adeguate protezioni in particolare per zone ricreative (Gds 1) sebbene facciano parte dell’area urbana e quindi siano caratterizzate da una grande fruizione da parte della popolazione", come appunto Bellinzona. "Si tratta di zone spesso esposte a livelli di rumore oltre i limiti definiti dal Gds 1".

‘Nulla di fatto senza beneficio monetizzabile’

Dal profilo legislativo i criteri per la valutazione della proporzionalità dei costi e della ponderazione degli interessi, definiti inizialmente nel 1998 nell’opuscolo 301 dell’Ufficio federale dell’ambiente, delle foreste e del paesaggio sono stati aggiornati nel 2006 nel documento denominato ‘Sostenibilità economica e proporzionalità di provvedimenti antirumore: ottimizzazione della ponderazione di interessi’: "Purtroppo laddove non risulta un beneficio monetizzabile – di regola calcolato su edifici residenziali esposti al rumore da proteggere che troviamo raramente nelle aree di svago – assistiamo a un nulla di fatto in termini di realizzazioni di protezioni foniche". Da qui le domande volte a sapere quante situazioni con Gds 1 (zone ricreative) esposte a livelli di rumore superiori ai valori limite sono state censite in particolare lungo le autostrade e strade nazionali; quante di queste situazioni sono state risanate o sono in procinto di esserlo; in quanti casi il risanamento non è avvenuto per insufficiente valore dell’Ise, cioè economicamente non sostenibile secondo i parametri federali aggiornati nel 2006.

Leggi anche:

‘Quanto è bella, ma rumorosa, la golena di Bellinzona’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
21 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved