laRegione
ripari-fonici-negati-sull-a2-bellinzona-tornera-alla-carica
Ti-Press
Proteggono l’abitato ma non la zona golenale usata per lo svago
16.02.22 - 16:08
Aggiornamento: 16:34

Ripari fonici negati sull’A2, Bellinzona tornerà alla carica

Il Municipio risolleciterà Ustra per proteggere dal rumore autostradale la Saleggina dove sono previsti nuovo ospedale e parco fluviale

Il Municipio di Bellinzona tornerà alla carica con le autorità federali risollecitando la posa di ripari fonici autostradali, nel tratto di A2 fra gli svincoli di Camorino e Castione, all’altezza della Saleggina dove sono previsti nuovo ospedale e parco fluviale. Lo ha spiegato ieri sera in Consiglio comunale il vicesindaco Simone Gianini rispondendo all’interpellanza di Maura Mossi Nembrini (Più donne) che lamentava l’assenza delle barriere all’altezza delle aree golenali molto frequentate dai bellinzonesi per le attività di svago. Già negli anni passati altri consiglieri avevano sollevato la questione. Sempre uguale la risposta: le pareti foniche sono finanziate dalla Confederazione solo laddove servono a proteggere gli abitati. Il progetto di risanamento attualmente in corso da parte dell’Ufficio federale delle strade – ha spiegato il capodicastero Territorio e mobilità – è cresciuto in giudicato a inizio 2017 e oltre alla costruzione del sistema di recupero delle acque prevede in effetti il completamento dei ripari fonici in corrispondenza degli abitati di Sementina, Monte Carasso, Carasso e della Torretta, così come la posa di asfalto fonoassorbente su tutta la lunghezza tra i due svincoli.

‘Cercare una soluzione più ampia’

L’opposizione presentata nel 2011 dal Municipio di Bellinzona contro il progetto poiché non prevedeva (e non prevede tutt’oggi) la costruzione di ripari fonici in corrispondenza delle altre zone golenali, era stata respinta per motivi di sostenibilità finanziaria. La quale risponde a criteri basati essenzialmente sulla presenza di contenuti residenziali, «come purtroppo espresso anche dall’Ufficio federale dell’ambiente che era stato chiamato a fornire un sistema di calcolo per le zone di svago in questione». Quanto alla Saleggina, il Municipio «intende tornare alla carica cercando di trovare una soluzione più ampia, di concerto con le autorità superiori, una volta verificata l’efficacia del risanamento fonico attualmente in costruzione». Da notare che il ricorso di dieci anni fa «non venne accolto avendo l’Ufficio federale dei trasporti ritenuto il progetto conforme all’Ordinanza federale contro l’inquinamento fonico e non essendo riuscito nemmeno l’Ufficio federale dell’ambiente – il quale a voce sosteneva la posizione del Municipio – a portare un metodo di calcolo che giustificasse la sostenibilità finanziaria di quel completamento». Le parti di parco fluviale ricavate all’altezza del Liceo e della Scuola cantonale di commercio «saranno comunque protette da ripari fonici».

Cumlina scontenta, si attende un incontro con Ustra

A proposito di rumore, la grande parete fonica in calcestruzzo realizzata sul lato orientale dell’A2 a Camorino con l’obiettivo di proteggere l’abitato di Cumlina, stando agli abitanti non sembra aver prodotto il risultato sperato. A questo riguardo Gianini ha spiegato che dal rapporto conclusivo fornito da Ustra «tutti i punti di misura hanno ottenuto un livello di schermatura acustica più elevato rispetto ai valori attesi dal progetto. Il Municipio ha anche chiesto a Ustra di organizzare un incontro sul posto coinvolgendo gli abitanti interessati per verificare il risultato finale, ma finora l’Ufficio federale non ha ancora confermato la sua disponibilità».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona ospedale parco fluviale ripari fonici ustra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce
In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
2 ore
Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura
Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Locarnese
3 ore
Incidente a Maggia: si cercano testimoni
Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
9 ore
Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia
Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Luganese
1 gior
Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina
Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Ticino
1 gior
Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
1 gior
Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati
Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Locarnese
1 gior
Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici
Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
1 gior
‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’
Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
1 gior
Rinviato al 2 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo
L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
© Regiopress, All rights reserved