laRegione
14.07.22 - 15:44
Aggiornamento: 16:35

Coca e armi: condannato giovane plurirecidivo

Due anni con la condizionale a un 25enne di Camorino, sin da minorenne alle prese con guai giudiziari

coca-e-armi-condannato-giovane-plurirecidivo

Possesso e spaccio di cocaina, detenzione illegale di armi e munizioni, violazione delle norme della circolazione stradale. È questa la colpa principale del 25enne di Camorino comparso stamane davanti alle Assise criminali di Bellinzona riunite a Lugano. Il giovane, attualmente in formazione, è stato condannato dalla Corte presieduta dal giudice Amos Pagnamenta a 24 mesi di reclusione, sospesi condizionalmente per un periodo di prova di cinque anni, un periodo più lungo del solito considerate le vicissitudini penali dell’imputato. L’accusato è altresì costretto a pagare una multa di 800 franchi, la quale se non pagata verrà tramutata in ulteriori otto giorni di carcere.

‘Era un periodo difficile’

Il processo è stato celebrato con la formula del rito abbreviato perché la pubblica accusa, rappresentata dal procuratore Pablo Fäh, e la difesa, avvocato Yasar Ravi, si sono accordate proponendo una pena adeguata per entrambe le parti in virtù dell’ammissione di colpa dell’imputato. «Il mio studio musicale prima, e successivamente l’autonoleggio, non funzionavano nel modo sperato, perciò mi sono fatto abbindolare dalla proposta di quelli che allora consideravo amici, anche se non avrei dovuto – si è legittimato l’uomo –. Ero caduto in un momento difficile della mia vita e, purtroppo, ci sono ricascato». L’accusato non è infatti nuovo a reati: la lista di precedenti, simili a quelli odierni, inizia già da minorenne. «I tre mesi trascorsi in carcere sono stati uno schiaffo morale».

Paura di una recidiva

Il presidente della Corte ha rimarcato come l’imputato se ne sia infischiato del periodo di prova fissato in occasione di una precedente condanna inflitta per fatti simili. Anzi, dalla vendita di marijuana è passato a quella di cocaina (in tutto 170 grammi). «Mi scuso per quello che ho fatto e prometto che non accadrà mai più. Ho tagliato i contatti con la vecchia compagnia, ho cambiato anche numero di cellulare... Non ne voglio più sapere – ha concluso il bellinzonese –. L’obiettivo principale ora è di finire l’apprendistato, sistemarmi e cercare un po’ di tranquillità». Pentimento considerato nella decisione della Corte, che ha comunque ritenuto grave la colpa dal profilo soggettivo e oggettivo a causa della reiterata propensione a delinquere. Le accuse e la proposta di pena formulata dal procuratore pubblico sono state confermate dalla Corte, evidenziando tuttavia il rischio di una possibile recidiva: «Temiamo di dover un giorno ritrovare l’imputato ancora qui in aula a rispondere di altri reati; ciò che comporterebbe la revoca delle precedenti sospensioni di condanne. Questa è l’ultima occasione, perciò rifletta sempre a fondo prima di oltrepassare il limite. A lei dimostrare di essersi meritato la condizionale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
32 min
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
46 min
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
1 ora
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
1 ora
Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo
Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
2 ore
Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato
Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
Luganese
2 ore
Prostituzione illegale nei centri massaggi, due gli arresti
In stato di fermo una 50enne cittadina ungherese residente in Italia e un 47enne cittadino italiano residente nel Luganese
Locarnese
6 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
7 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
8 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
11 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull’ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ‘Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
© Regiopress, All rights reserved