laRegione
04.04.22 - 05:30

Diritti di visita, a Bellinzona un luogo dove ricucire i legami

In uno spazio protetto all’interno della Cooperativa Baobab nasce la possibilità di incontri tra figli e genitori non affidatari

diritti-di-visita-a-bellinzona-un-luogo-dove-ricucire-i-legami
Depositphotos
Ricostruire un rapporto mattone dopo mattone

Un luogo dove ricostruire i legami. Uno spazio neutro e sicuro dove bambini e ragazzi dagli 0 ai 16 anni, figli di genitori separati, possono riprendere contatto con il genitore non affidatario. È quanto propone la Cooperativa Baobab con il nuovo progetto che mette a disposizione un punto d’incontro nella propria sede di via Vincenzo Vela 3 a Bellinzona. La fase sperimentale è iniziata alcuni anni fa, ma soltanto recentemente, grazie alla donazione di circa 55mila franchi da parte della catena della solidarietà, è stato possibile consolidare l’iniziativa. Nel servizio lavorano una responsabile (di formazione psicologa e psicoterapeuta) e tre operatrici a cui se ne aggiungerà un/un’altro/a nei prossimi mesi. Il progetto è in crescita; l’aumento di richieste ha creato la necessità di definire in modo più preciso gli obiettivi e le finalità di questo servizio pensato principalmente come misura di protezione per i minori. In questi mesi si stanno inoltre tessendo collaborazioni con altri punti d’incontro come quello di Casa Elisabetta (con sede anche a Bellinzona) e Culla Arnaboldi, che si trova a Lugano. «Ora vogliamo collaborare con altri servizi in maniera costruttiva con l’obiettivo comune di pensare delle buone pratiche nella protezione dei minori, sostenendo i genitori nell’esercizio delle relazioni personali con i propri figli e della co-genitorialità. Perché i genitori, anche se separati, rimangono comunque genitori per tutta la vita di un bambino ed è quindi fondamentale lavorare insieme in favore del minore», evidenzia Elena Conelli, coordinatrice della Cooperativa Baobab.

Gli obiettivi del progetto

Il servizio è attivo su mandato delle Autorità regionali di protezione (Arp) e delle preture. Si tratta di uno spazio protetto, in cui il bambino può ritessere i legami con il genitore non affidatario. La missione del progetto è accompagnare le famiglie nella relazione con il proprio figlio, attivando le risorse genitoriali e migliorando la comunicazione. Ma anche accompagnare la coppia genitoriale verso un dialogo costruttivo e favorevole allo sviluppo psico affettivo del figlio. In una seconda fase si intende facilitare la relazione tra genitori e figli affinché il diritto di visita avvenga senza intermediari. Il servizio vuole favorire anche l’avvicinamento tra genitore non affidatario e figli dopo lunghi periodi (per esempio nel caso di genitori che vivono all’estero). Nello spazio neutro sono accolte anche famiglie con passato migratorio e la Cooperativa garantisce l’accompagnamento con un interprete. L’obiettivo del servizio è fornire al genitore gli strumenti necessari affinché possa riprodurre nuovi modelli di co-genitorialità. Nell’evoluzione ottimale del percorso si possono immaginare a un certo punto anche incontri con entrambi i genitori.

Come funziona

Gli incontri sono accompagnati e avvengono in presenza di un’operatrice. Nella fase preliminare l’operatrice incontra entrambi i genitori. Le visite genitore-figlio avvengono in un locale all’interno della Cooperativa, l’operatrice può semplicemente osservare ma anche intervenire per sostenere e aiutare il genitore a trovare le strategie più adeguate per esercitare il suo ruolo educativo. Quando il legame è stato ricucito, il genitore e il bambino possono anche svolgere attività all’esterno della Cooperativa, come fare una passeggiata o andare a mangiare un gelato insieme. Man mano che la relazione si consolida, con le autorità si può convenire che il diritto di visita avvenga in forma libera senza educatore. Genitore e figlio possono comunque incontrarsi nella Cooperativa e poi uscire in un secondo momento. Al ritorno l’educatrice può fare un bilancio con il genitore. «L’obiettivo è che il genitore si riappropri delle proprie competenze, che la relazione con il figlio sia ristabilita e che il diritto di visita possa dunque diventare libero», spiega la responsabile del progetto Laura Signorelli. La frequenza degli incontri viene definita dall’Autorità regionale di protezione: può essere una volta alla settimana, una volta ogni due o una volta al mese per un massimo di 2 ore. Il lavoro in rete con altri servizi e professionisti è fondamentale, perché come si suol dire "ci vuole un villaggio per crescere un bambino". Finora la Cooperativa ha seguito 18 famiglie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
28 min
Pizzicato al confine con 750 mila euro non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
2 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
2 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
Luganese
9 ore
Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia
Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
9 ore
‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’
Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Ticino
11 ore
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
11 ore
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
12 ore
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
13 ore
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
14 ore
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
© Regiopress, All rights reserved