laRegione
01.03.22 - 17:34
Aggiornamento: 19:02

Lumino tende la mano al popolo ucraino

Il Municipio ha scritto a Berna e a Bellinzona dicendo di essere disponibile a ospitare persone in fuga dalla guerra. Interrogazione anche a Bellinzona

lumino-tende-la-mano-al-popolo-ucraino
Keystone

«Seguiamo con apprensione ciò che sta succedendo in Ucraina e sentiamo di dover offrire questa possibilità». Così Nicolò Parente, sindaco di Lumino, sulla decisione presa domenica dal Municipio, alla luce dell’aggravarsi della situazione del conflitto, di comunicare al Consiglio federale e al Consiglio di Stato la propria disponibilità a ospitare provvisoriamente al Centro della Protezione civile di Lumino, qualora vi fosse la necessità, cittadine e cittadini ucraini in fuga dalla guerra. L’esodo di civili, sottolinea l’esecutivo nel comunicato stampa diramato, "è destinato a durare. Secondo le ultime stime, ha già costretto mezzo milione di persone a cercare riparo e sicurezza nei Paesi limitrofi (Polonia, Romania e Moldavia su tutti). I citati governi necessiteranno verosimilmente dell’aiuto di altri Paesi per la gestione dell’emergenza. In questo senso è già stata fatta un’importante apertura da parte degli Stati dello Spazio Schengen, Svizzera inclusa". L’esecutivo di Lumino ha inoltre contattato l’ambasciata ucraina a Berna al fine di valutare iniziative legate alla raccolta di beni di prima necessità da organizzare sul territorio comunale e le relative modalità di consegna. «C’è il desiderio colmo di solidarietà, nel nostro piccolo, di poterci rendere utili sia come Municipio sia come comunità di Lumino per aiutare la popolazione ucraina confrontata con questo dramma», aggiunge Parente.

‘Bellinzona è disponibile ad accogliere rifugiati?’

Anche a Bellinzona l’Unità di sinistra invita il Municipio a voler prendere una posizione il più presto possibile sulla questione. "Intende segnalare al Consiglio di Stato e al Consiglio federale la propria preoccupazione rispetto alla situazione dei rifugiati in fuga dalla zona di guerra e la propria disponibilità a collaborare concretamente nell’accoglienza sul territorio comunale di persone in pericolo?", chiedono attraverso un’interrogazione i consiglieri comunali Danilo Forini, Martina Malacrida e Lisa Boscolo. "In collaborazione con le disponibilità di accoglienza delle strutture federali e cantonali, il Municipio dispone di eventuali opportunità logistiche da mettere a disposizione? È disposto a promuovere e coordinare tra la nostra cittadinanza l’eventuale accoglienza presso privati disponibili a un gesto di solidarietà? In che modo il Municipio può sostenere le organizzazioni che stanno raccogliendo materiale sanitario e di prima necessità da inviare nella zona di guerra?".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
8 min
8 anni al pedofilo che ha fatto ‘rabbrividire’ il giudice
Un 77enne del Sopraceneri condannato per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
34 min
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
4 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
5 ore
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
5 ore
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
7 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
7 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
10 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
10 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
17 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
© Regiopress, All rights reserved