laRegione
04.03.22 - 16:19
Aggiornamento: 20:20

Il Consiglio federale propone lo status S per i profughi ucraini

La Confederazione concederebbe ai rifugiati un diritto di soggiorno senza passare per la procedura d’asilo ordinaria. Berna sosterrà i Cantoni

a cura di Marco Narzisi
il-consiglio-federale-propone-lo-status-s-per-i-profughi-ucraini
Keystone

Per i rifugiati in fuga dalla guerra in Ucraina sarà attivato lo statuto di protezione S, che conferisce un diritto di soggiorno in Svizzera senza espletare una procedura d’asilo ordinaria. È quanto ha proposto oggi il Consiglio federale che, prima di decidere in via definitiva, consulterà i Cantoni e le organizzazioni di aiuto e l’Unhcr entro metà della settimana prossima.

Dopo l’aggressione russa, oltre un milione di persone hanno già lasciato l’Ucraina in direzione dello spazio Schengen, e il loro numero potrebbe aumentare ulteriormente, ha affermato in conferenza stampa a Berna la ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter.

"Non posso ancora fornire dati sugli ucraini che arriveranno in Svizzera", ha proseguito, aggiungendo che è previsto un crescente afflusso di persone che cercheranno rifugio nel nostro Paese, dove possono entrare senza visto e soggiornare liberamente per 90 giorni come in tutto lo spazio Schengen.

Sono 320 finora le persone registrate nei centri federali d’asilo dopo aver lasciato l’Ucraina: 200 sono rimaste in queste strutture, le altre hanno raggiunto dei parenti, ha da parte sua precisato la segretaria di Stato della migrazione Christine Schraner Burgener. La maggior parte dei circa 7000 ucraini che già vivevano in Svizzera risiedeva in quattro cantoni: Zurigo, Berna, Argovia e Vaud.

La soluzione dello statuto S consente alla Svizzera di aderire alla strategia adottata ieri dalla maggioranza degli Stati membri dell’Ue, i cui dettagli saranno noti ulteriormente. Si tratta di un strumento che permette di accordare provvisoriamente protezione a persone esposte a un pericolo generale grave, in particolare durante una guerra.

È nato negli anni Novanta dalle esperienze maturate con le guerre nell’ex-Jugoslavia allo scopo di sgravare il sistema d’asilo, in quanto consente di continuare a destinare risorse sufficienti alle procedure ordinarie di richiedenti provenienti da altri Paesi.

I profughi ucraini otterrebbero un diritto di soggiorno di un anno, prorogabile, e la possibilità di chiedere il ricongiungimento familiare. Questo dispositivo consente anche la scolarizzazione dei bambini, ha spiegato Keller-Sutter.

Il Consiglio federale propone comunque qualche ritocco, ad esempio riguardo alla libertà di viaggiare o a quella lucrativa, per renderlo equivalente a quello conferito ai profughi ucraini dagli Stati membri dell’UE.

Ciò permetterebbe alle persone protette di viaggiare nello spazio Schengen anche una volta trascorsi 90 giorni e di lavorare dopo appena un mese dal loro arrivo. Chi riceve lo statuto S sarà alloggiato direttamente nei Cantoni, anche in abitazioni private. "La solidarietà nella popolazione è grande", ha rilevato Keller-Sutter.

Se qualcuno volesse mettersi a disposizione per ospitare rifugiati, può contattare la Segreteria di Stato della migrazione (Sem), che sarà responsabile della gestione degli arrivi e dell’assegnazione degli alloggi, è stato precisato nel corso della conferenza stampa.

I Cantoni riceveranno dalla Confederazione una somma forfettaria a copertura delle spese per l’alloggio, l’assicurazione malattia obbligatoria e l’assistenza diretta. Se il Governo non sospende la protezione temporanea entro cinque anni, i titolari dello statuto S otterranno un permesso B.

In consultazione sarà esaminato anche se conferire questo statuto a persone che non sono di nazionalità ucraina ma risiedevano in quel Paese, ha precisato la consigliera federale rispondendo a una giornalista.

"La guerra della Russia contro l’Ucraina concerne l’Europa e la Svizzera fa parte dell’Europa", ha sottolineato la ministra, aggiungendo che "è da decenni che non conoscevamo un movimento di popolazione così massiccio e rapido" e per questo dobbiamo coordinarci.

Interpellata sul perché non sia stata adottata una soluzione analoga per gli afghani, Keller-Sutter ha affermato che la situazione in Ucraina è diversa e "in Afghanistan non c’era una guerra". Inoltre, stiamo parlando di persone che possono viaggiare liberamente all’interno dello spazio Schengen, ha rilevato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
energia
9 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
16 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
18 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
18 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
20 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
20 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
20 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
21 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
23 ore
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
1 gior
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
© Regiopress, All rights reserved