laRegione
laR
 
18.01.22 - 20:53
Aggiornamento: 21:55

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore

lupo-in-alta-valle-la-societa-agricola-bleniese-scrive-al-cds

L’avvistamento di tre lupi nei pressi di alcune abitazioni di Olivone lo scorso 12 dicembre aveva generato una certa inquietudine tra gli abitanti dell’alta Valle di Blenio. All’inizio di gennaio due esemplari si erano fatti vedere anche vicino a una casa situata sulla strada cantonale, poco prima del paese di Campo Blenio. Come ci conferma il sindaco di Blenio Claudia Boschetti-Straub oltre a questi due episodi non sono più stati registrati ulteriori avvistamenti. Dal canto suo Tiziano Putelli, capo dell’Ufficio cantonale caccia e pesca, ribadisce che le zone abitate non sono l’habitat ideale per il predatore. In dicembre gli esemplari si erano abbassati, spingendosi fino al fondovalle, seguendo la selvaggina scesa di quota in cerca di cibo a causa della neve; ora, in assenza di altre precipitazioni, la selvaggina resta in quota e di conseguenza nemmeno il lupo si abbassa più sul fondovalle a predare.

Le anomale visite da parte del lupo hanno particolarmente preoccupato – e l’allerta rimane alta – la Società agricola Bleniese che nelle scorse settimane ha scritto al Consiglio di Stato per sollecitare un incontro al quale sono stati invitati a prendere parte anche i Comuni di Blenio, Acquarossa e Serravalle. Tra i punti critici sollevati nella lettera vi è la comunicazione considerata lacunosa: con la richiesta in particolare di un miglior coordinamento tra l’Ufficio caccia e pesca e la Sezione dell’agricoltura per un’informazione più puntuale e trasparente verso gli agricoltori e i Comuni interessati. «Negli ultimi casi di avvistamento del lupo nell’alta valle ci siamo resi conto che l’informazione è stata carente», rileva Luigi Arcioni, presidente della Società agricola Bleniese che raggruppa una settantina di aziende con animali. «Vorremmo anche capire come muoverci in futuro visto che questi episodi di avvistamento del lupo tenderanno a ripetersi sempre più frequentemente e capire che strategia intenderà adottare il Cantone per affrontare questi casi e sostenere gli agricoltori», aggiunge.

Informazione da migliorare

Dal 2016 è attivo un sistema di allerta della Sezione dell’agricoltura che via sms avverte gli allevatori iscritti in caso di attacco da parte di grandi predatori. «Purtroppo questo sistema non è sempre stato efficace», osserva Arcioni evidenziando che in prossimità di aziende agricole sono stati ritrovati dei cervi morti quasi certamente vittime del lupo: «Su aspetti di questo tipo ci piacerebbe venire informati direttamente, ma così finora non è stato». Inoltre, fa presente il nostro interlocutore, a seguito della posa delle fototrappole da parte dell’Ucp e del monitoraggio serale e notturno «abbiamo faticato a sapere se ci sono stati altri avvistamenti o meno». L’auspicio ribadito è dunque quello di un’informazione più efficace, tempestiva e puntuale. D’altronde il lupo non preoccupa soltanto gli allevatori di pecore e capre ma anche chi possiede bestiame più grosso: «Se le vacche nutrici vengono spaventate dalla sua presenza iniziano a scappare e a correre rischiando di cadere in qualche burrone», sottolinea il presidente della Società agricola Bleniese.

Chiesto più supporto

La richiesta è anche quella di maggior supporto agli agricoltori riguardo al sistema di protezione da adottare: «Ci vengono dati dei consigli ma necessitiamo di indicazioni più precise in modo da trovare una soluzione definitiva, praticabile e sostenibile che ci permetta di salvaguardare i nostri animali da reddito». Tuttavia spesso, evidenzia Arcioni, né la sorveglianza, né i cani da protezione e le recinzioni sono sufficienti a tenere lontano il grande predatore. Oltre a maggior supporto, per gli agricoltori è importante poter contare anche su un sostegno finanziario per la partecipazione ai costi. «Gli agricoltori non devono essere lasciati a sé stessi», conclude Arcioni.

In occasione della seduta del 20 dicembre, ricordiamo, il Consiglio comunale di Blenio aveva approvato una risoluzione con cui esprimeva solidarietà all’agricoltura (“settore economico di primaria importanza” che “soffre maggiormente la presenza di lupi”), al turismo e alla popolazione, preoccupata per la situazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
16 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
20 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
20 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
20 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved